CronacaNewsSport

Cuggiono: altri due mesi di messa alla prova per l’ex promessa del calcio

Seconda sentenza favorevole, la giustizia vuole dare un'altra possibilità al ragazzo

CUGGIONO Altri due mesi di messa alla prova ai servizi sociali. Anche la seconda sentenza del giudice presso il tribunale per i minorenni ha voluto dare fiducia al sedicenne cuggionese concedendogli la possibilità di reinserirsi nella società senza particolari restrizioni. Questa volta il ragazzo, difeso dall’avvocato Riccardo Grittini, era andato a processo per ricettazione. Reato che si andava ad aggiungere a quello più pesante commesso a Milano nell’estate dello scorso anno, quando aveva tentato il furto di una moto insieme ad un amico.

Venne arrestato in flagranza dalla Polizia. Per quest’ultimo episodio il tribunale per i minorenni gli aveva concesso l’affidamento in prova della durata ad un anno. Periodo che si allungherà con l’ultima sentenza. In tanti fanno il tifo per il ragazzo che, fino a due anni fa, era considerato una promessa del calcio. Aveva fatto provini e si era allenato con società professionistiche nei vari settori giovanili, tanto da far pensare ad un suo futuro nel mondo del pallone. Poi le amicizie sbagliate e qualche guaio con la giustizia lo hanno messo sulla cattiva strada.

Fino ad arrivare a due processi che però, vista la giovane età e tutte le credenziali in regola per poter uscire da questo tunnel, lo hanno visto in entrambi i casi uscirne senza conseguenze. Non avrà divieti particolari e dovrà soltanto seguire dei programmi di recupero che potrebbero includere anche il volontariato.

Related Articles

Back to top button

Utilizzando il sito, accetti l'utilizzo dei cookie da parte nostra. maggiori informazioni

Questo sito utilizza i cookie per fonire la migliore esperienza di navigazione possibile. Continuando a utilizzare questo sito senza modificare le impostazioni dei cookie o clicchi su "Accetta" permetti al loro utilizzo.

Chiudi