‘+++ Covid: quasi il 100% di immunizzati dopo il vaccino fra i residenti RSA di Fondazione Mantovani e Gruppo Sodalitas +++

    5

    ARCONATE – “Si tratta sicuramente di un grande risultato, che consente ai nostri residenti un alto livello di sicurezza”. È il commento di Tiziano Camnasio, medico pneumologo e direttore sanitario di Sodalitas e Fondazione Mantovani. A capo del Gruppo di Lavoro che si è occupato della gestione emergenza COVID-2019 all’interno delle strutture dei due enti gestori, Camnasio ed il suo team hanno proposto uno studio completamente finanziato da Fondazione e Sodalitas per valutare lo stato di immunizzazione di tutti gli ospiti presenti all’interno delle RSA, con l’obiettivo di valutare l’effettiva protezione del vaccino nel residente.

    Oltre all’elevatissima adesione alla campagna vaccinale (oltre al 98% sia per operatori che pazienti), l’immunizzazione si è verificata nell’ 98,64 per cento delle persone vaccinate, contro il 95% riportato dalla letteratura internazionale. Una percentuale così elevata è spiegabile dall’attenzione prestata nell’alimentazione del paziente ed allo stretto monitoraggio di eventuali problematiche di salute concomitanti, oltre che alla presenza di pregressa infezione da COVID-19. I risultati saranno condivisi con la comunità scientifica internazionale grazie alla pubblicazione del lavoro su riviste di settore.

    Da mesi, in Fondazione e Sodalitas , sono in corso specifici percorsi formativi per medici ed infermieri finalizzati a contrastare le conseguenze dell’infrazione da COVID-2019, grazie a programmi di prevenzione e trattamenti specifici.

    Solo alcuni giorni fa, è terminato l’addestramento di seconda linea del personale vaccinatore, formato all’esecuzione degli interventi di emergenza in caso di reazioni avverse anche con l’uso di defibrillatore. Un ulteriore passo verso il ritorno alla normalità, ma anche una costante crescita nel livello di assistenza offerto ai residenti.

     

    Articolo precedenteIncidente domestico con Cesare Nai; niente di grave per fortuna
    Articolo successivoCastano Primo: capriolo investito da un’auto. Trasferito al centro recupero del Parco