Covid, il Presidente dei Virologi: “Vaccinazioni mirate, NO Astrazeneca per i giovani”

    4

    MILANO  – I vaccini anti-Covid a vettore virale come AstraZeneca “sono molto efficaci e tutto sommato sicuri”.
    Le trombosi atipiche segnalate? “Parliamo di un caso su un milione in cui abbiamo detto da sempre che possono verificarsi degli eventi infausti. Eventi che stanno aumentando nel momento in cui portiamo la vaccinazione sulle fasce più giovani. E quindi se i vettori virali danno questi problemi, specialmente in giovani donne, in una fase in cui il virus ci lascia un po’ più respirare e ci dà la possibilità di vaccinare nel tempo un po’ tutti con vaccini che oggi si sono resi disponibili come quelli a Rna messaggero, possiamo scegliere di fare una vaccinazione un po’ più mirata cercando di evitare il vettore virale in queste categorie” più a rischio. E’ la riflessione di Arnaldo Caruso, presidente della Società italiana di virologia (Siv-Isv), intervenuto a ‘Radio anch’io’ su Rai Radio 1.

    Per Caruso “dobbiamo chiederci: perché questo tipo di trombosi con emorragia? E quali sono le basi, che al momento non conosciamo? Noi non sappiamo” perché viene la trombosi, “e non è solo una questione di genere o di assunzione di farmaci come la pillola anticoncezionale.
    Altrimenti avremmo avuto molte più morti di quelle che si sono verificate. Bisogna capire bene quali sono i meccanismi per alcuni soggetti particolari che vanno incontro a questi eventi”. Ancora, aggiunge l’esperto, “non sappiamo rispondere” sul perché il 70enne è meno a rischio della 30enne, “se non con una particolare predisposizione di pochissimi soggetti a questa particolare forma di trombosi con emorragia, insolita in medicina. Chiaramente il vaccino è scatenante di una patologia che è di base”

    Articolo precedenteColombini CISL: primi importanti passi concreti per fronteggiare il dramma degli infortuni sul lavoro
    Articolo successivoIl Consorzio ETVilloresi ricorda: “Divieto di balneazione e NO ai tuffi nel canale”