Corbetta, le richieste di un cittadino: “Mettete in sicurezza la Sp 228 per Cerello, è una strada pericolosa”

138

CORBETTA – La strada provinciale 228 che collega Corbetta alla frazione di Cerello è pericolosa e va sistemata in diversi punti. Lo sostiene Leonardo Lovati, cittadino di Cerello, che da tempo ha chiesto l’intervento dell’Amministrazione Comunale senza però ottenere risposte precise. Considerato che non era ben chiara la competenza e da più parti si asseriva che ci si doveva rivolgere a Città Metropolitana ecco che l’ultima mail è stata inviata ad Arianna Censi, Vice Sindaco di Città Metropolitana il 31 maggio dello scorso anno. Mail rimasta senza risposta alcuna.

“La Sp228 è pericolosa – asserisce Lovati – tutte le volte che ci si immette lungo quella strada c’è il rischio di entrare in collisione con qualche altro veicolo perché non si riesce a vedere chi arriva. Ma, oltre a questo, vorrei far presente lo stato della banchina che non è asfaltata e si trova a ridosso della pista ciclabile. Il rischio è che passando, si possano sollevare dei sassi che vanno a colpire chi sta passando a piedi o in bicicletta lungo la pista ciclabile”. Tempo fa Lovati aveva postato le criticità su Facebook ricevendo tantissime critiche per essere invitato addirittura a cambiare città per vedere come si vive altrove. Lovati ha conservato gli screenshot di quei commenti, ma se l’è affatto presa. Anzi, è sempre più deciso a portare avanti la sua battaglia.

Che sia di competenza comunale o di Città Metropolitana poco importa. L’importante è che la Sp228 venga messa in sicurezza per il bene di tutti. C’è poi la questione parcheggio, quello tra via Rosario e via Saresella. Lovati si è sempre chiesto come mai quel parcheggio non sia mai stato realizzato. A differenza di altri realizzati in tempi rapidi. Anche in questo caso le risposte fornite non sono state ritenute sufficienti. “Forse perché a Corbetta ci sono cittadini di serie A e di serie B?”, conclude.

Articolo precedente“Stai all’occhio!”, il teatro ad Opera diventa scuola di vita
Articolo successivoBoffalora sopra Ticino: domani una giornata ecologica per il Naviglio Grande