Corbetta, “Giorno del Ricordo”: evento organizzato da Fratelli d’Italia del Magentino

    64

    CORBETTA – In occasione del “Giorno del Ricordo” Fratelli d’Italia, in collaborazione con il laboratorio
    culturale “La Fucina delle Idee”, per la prima volta a Corbetta organizza un incontro-conferenza lunedì 10 febbraio 2020, alle 21.00, nella Sala Grassi di via Cattaneo 25.

    La conferenza è stata voluta ed organizzata per commemorare le vittime delle foibe e l’esodo dalle loro terre degli Istriani, Fiumani e Dalmati. Una drammatica pagina di storia che vide migliaia di Italiani uccisi e gettate nelle cavità carsiche di Venezia Giulia e Dalmazia ed altrettante persone, gli esodati, costrette a lasciare le proprie terre nell’ambito delle violenze alla fine della Seconda Guerra Mondiale e con il consolidarsi del regime comunista in Jugoslavia.
    La conferenza si aprirà con una breve introduzione storica, a cura dell’Associazione Nazionale Venezia Giulia e Dalmazia, e proseguirà con la proiezione di un video-documentario sul tema, con la testimonianza diretta di chi quella tragedia fu costretto a viverla sulla propria pelle.

     

    A seguire verrà presentato dall’autore Federico Goglio, per la prima volta dalla sua pubblicazione, il fumetto “Nino Benvenuti – Il mio esodo dall’Istria” edito da Ferrogallico.
    «La conferenza di lunedì sera – spiega Stefano Scazzosi, referente cittadino di Fratelli d’Italia – sarà un’occasione per tenere accesi i riflettori su uno dei capitoli più oscuri e nello stesso tempo più drammatici della nostra storia. Fatti rimasti per molto tempo nascosti in un cassetto e avvolti nel silenzio. Ricordare per approfondire la conoscenza dei fatti storici. Conoscere la storia per non ripetere gli errori del passato. Questo l’obiettivo dell’appuntamento cui tutti i cittadini sono invitati a partecipare».
    Durante la serata interverranno parlamentari, dirigenti nazionali, regionali e locali di Fratelli d’Italia.

    Articolo precedente#NoBody, Legnano ospita la nuova tappa del nuovo tour del viaggio sensoriale attraverso il fenomeno dello sfruttamento sessuale
    Articolo successivoMagenta, arte e scienza dialogano in laboratorio alla scuola media “Francesco Baracca”