Corbetta e le piste ciclabili, ‘c’è qualcosa che non va’

    122

    Riceviamo e pubblichamo

     

    Corbetta, 90 mila euro per completare la pista ciclabile tra le vie Vespucci e Leopardi

    CORBETTA – Ebbene, la notizia è passata in modo decisamente “sottodimensionato” ,diciamo. Ogni 2 – 3 lustri si mette mano alla via Filippetti spostando la pista ciclabile da un lato all’altro. Ora tocca al lato del muro perimetrale della struttura dei Padri Somaschi…la spesa è ingente ; che bisogno c’era? Non deve essere emesso un Piano di Mobilità dell’intera città , presentarlo ai cittadini, predisporre dei tavoli di consultazione e lavoro ?….nel frattempo si spendono dei denari pubblici per soluzioni che non sono mai definitive! La via Filippetti è un lungo rettilineo, percorso a velocità elevata da tutti i mezzi (si era chiesto di fare dei dossi per evitare inutile inquinamento acustico, ambientale e relativi rischi stradali anche per mamme e papà che entrano ed escono dal parcheggio della scuola)……..

     

     

     

     

     

     

     

     

     

     

     

     

    E’ stato chiesto, ma nulla si è fatto e si farà. Chi li decide questi lavori? Qual è l’iter burocratico? La Commissione Lavori pubblici?? E perché non si fanno un giro per la città a verificare tutte le situazioni a rischio salute e sicurezza stradale? (fate un giro in via B.Croce prima della svolta in Corso Europa e noterete l’assenza di guard-rail su un lato strada che a brevissima distanza costeggia un lungo fossato di irrigazione …cittadini che scrivono da anni alle varie AC ma lì si è deciso che non si farà nulla!). Era solo un esempio. No, non ci siamo…ci ritroveremo con più inquinamento nelle case che si affacceranno sulla strada e subiranno gli inquinanti dei mezzi posteggiati e spesso accesi in sosta (come già succede con i bus dei Padri Somaschi che restano accesi per delle ore!)….E nessuno ha considerato l’uscita – appunto –  dei Bus scolastici dal parcheggio dei Padri Somaschi; una uscita “invadente” la strada e il marciapiede di fronte…. A cosa dovrà stare attento il ciclista che incrocerà il passo carraio a certe ore del giorno (mattina- mezzogiorno e tardo pomeriggio almeno ; oltre a tutto il resto…..). Ma così è se vi pare, diceva qualcuno …

    Luca Mancini di Sinistra per Corbetta,  abitante di via Filippetti

    Articolo precedenteAssago, i 5 Stelle: ‘Bonificare subito la discarica illegale’
    Articolo successivoIl mio mondo (eco)bio – E il silicone dove (non) lo metto?