Corbetta, Ballarini passa da Rivoluzione Cristiana al patrocinio del Milano (Gay) Pride

    153

    Curiosa scelta dell’Amministrazione di Corbetta, che decide di aderire alla grande kermesse della comunità Lbt

     

    CORBETTA – Curioso davvero il salto ‘culturale’ che porta l’Amministrazione di Corbetta, dove governa un coordinatore di Forza Italia sostenuto dal partito di Rivolizione Cristiana, a sostenere il Milano Pride, la manifestazione che si svolgerà sabato 24 giugno e che raduna la comunità gay, lesbica e transgender di tutta Italia.

    “Si è tenuta  a Palazzo Marino la conferenza stampa di presentazione del Milano Prode 2017 con il presidente C.I.G Arcigay Milano Fabio Pellegatta, l’assessore alle politiche sociali Pierfrancesco Majorino, l’assessore al commercio e attività produttive Cristina Tajani, l’assessore alla sicurezza Carmela Rozza, Leonardo Meda del coordinamento arcobaleno e Francesco Pintus coordinatore della commissione Pride”, recita un comunicato diffuso ieri. “Il Milano Pride è una straordinaria manifestazione di libertà e laicità resa possibile dal lavoro congiunto di istituzioni pubbliche, associazioni, realtà commerciali e volontari, oltre che, naturalmente, dalla partecipazione di migliaia di persone. Mira a diventare un appuntamento annuale irrinunciabile e atteso non solo dalla Comunità LBGTQIA ma anche da tutta la città di Milano.
    Anche quest’anno, come i più grandi Pride europei, viene proposto un calendario di eventi di natura politica, culturale, commerciale, sportiva, d’informazione e d’intrattenimento su tematiche legate al mondo LGBTQAI, a quello della prevenzione delle malattie sessualmente trasmissibili o, più in generale, ai diritti e dell’integrazione. Proprio con il titolo di questa edizione – Diritti Senza Confini – la comunità LBGTQIA milanese vuole ribadire che conosce, perché le ha sperimentate sulla propria pelle, le negatività e le limitazioni generate dal concetto di confine.

    La scelta di concludere il corteo in Porta Venezia è legato alla volontà di chiudere la parata in un contesto cittadino percepito dalla Comunità come friendly. La zona di Porta Venezia è, di fatto, riconosciuta come il quartiere gay della città, nel quale quotidianamente (e, in modo particolare, nel fine settimana) migliaia di donne e uomini omosessuali si incontrano e frequentano i numerosi esercizi commerciali che si dichiarano esplicitamente gay o quantomeno gay friendly. 
    IL PRIDE IN PILLOLE

    PARATA: 24 giugno, ritrovo dalle ore 14.30 – partenza da piazza Duca d’Aosta e arrivo a Porta Venezia.
    http://www.milanopride.it/site/parata-2017/

    PATROCINI
    Città di Milano
    Città metropolitana Milano
    Città di Bollate
    Città di Corbetta
    Città di Magenta
    Città di Sesto San Giovanni
    Comune di Busto Garolfo
    Comune di Castano Primo
    Comune di Cesate
    Comune di Cinisello Balsamo
    Comune di Paullo
    Comune di Settimo Milanese
    Politecnico di Milano
    Università degli Studi di Milano

    L’elenco dei patrocini è stato diffuso dagli organizzatori; curioso che Corbetta sia l’unico Comune NON di centrosinistra che sostenga l’evento.

    Ma Ballarini ci ha abituato a questo e ad altro. Sotto questo aspetto, è un vero futurista della politica. Complimenti a chi lo capisce (e lo sostiene).

    F.P.

    Articolo precedenteAbbiategrasso, la vistosa débacle grillina e gli zero tituli di De Angeli (e Mouslih)
    Articolo successivoMatteo Salvini ad Abbiategrasso, venerdì 16 alle 11