‘++Corbetta: Ballarini incespica (sull’italiano) e si appresta a ‘ballare’ in solitudine, lontano dai lidi (nativi) del centrodestra

    90

     

    CORBETTA – Abbiamo pubblicato stamani la lettera aperta di colui il quale è attualmente l’unico candidato ufficiale alle elezioni comunali di ottobre a Corbetta, ossia Antonio Cipriano (Pd, Gabbiano, Sinistra per Corbetta).

    E’ pressoché scontata anche la ricandidatura dell’attuale primo cittadino, Marco Ballarini, il quale tuttavia si agita in acque mosse, particolarmente negli ultimi giorni.

    Per un politico fortemente social come lui, quello pubblicato stamani prima delle 9 è stato (ed è tuttora, sono quasi le 11, per la comunicazione social due ore sono pari a due mesi…) senza dubbio ed obiettivamente uno scivolone grammaticale: una docente di Lettere del Magentino, adusa alla penna rossa, ci ha appena segnalato gli errori marchiani contenuti nel post del sindaco di oggi.

    Francamente la ‘messe’ di errori ci ha sorpreso, dacché generalmente Ballarini e chi lo segue utilizzano la lingua italiana in modo più ortodosso e corretto.

    Certe che, in sole 4 righe, collezionare e mettere in riga così tante sviste denota una lingua scazonte o zoppicante, avrebbe detto il grande Gioanbrerafucarlo, fu Principe della Zolla.

    Ma i problemi, per Ballarini, non si limitano a grammatica e sintassi.

    In questi giorni si sta consolidando la coalizione di centrodestra, pronta a schierare il proprio candidato sindaco alle elezioni del 10 e 11 ottobre (pare sia quella, la data).

    E il dubbio è tutto attorno a Forza Italia, partito di cui Ballarini è stato coordinatore zonale col vanto di non esserci neppure iscritto.

    Anomalia che abbiamo sottolineato più e più volte, ed ormai anche piuttosto superata, considerando il quadro politico. Ora il nocciolo ‘partitico’ è tuttavia piuttosto evidente: Forza Italia sarà alleata o meno di Marco Ballarini alle prossime elezioni? E se nel 2016 formalmente gli azzurri non si schierarono né con lui né contro di lui, questa volta le cose potrebbero cambiare.

    E allora, se gli azzurri scegliessero formalmente e dichiaratamente di schierarsi contro il sindaco in carica, allora sì.. Sarebbe una notizia, e non da poco. A quando, l’ufficialità (o meno)? A quanto pare, entro poco. Pochissimo.

    Fab. Pro.

    Articolo precedenteSicurezza/2, lungo le alzaie del Naviglio ABBIAMO DEI SERI PROBLEMI
    Articolo successivoPaderno Dugnano, 72enne in auto travolge bambino al parco: non ha mai conseguito la patente