Corbetta, Arluno e i braccialetti salva bimbo arrivano su TgCom24

181

 

 

CORBETTA ARLUNO – Un bracciale per scongiurare il fenomeno del ‘black out’ temporaneo della mente ed evitare di dimenticare un bimbo legato sul seggiolino in auto. E’ l’obiettivo del “Progetto schiaffo” lanciato dal comune di Corbetta, in provincia di Milano, in collaborazione con l’Associazione Tenace. Ad ogni neo mamma e neo papà verrà regalato dalla Farmacia Comunale di Corbetta un dispositivo anti abbandono. Lo ha riferito Tgcom24, mentre un pezzo della collega Giovanna Fagnani sul Corriere di oggi aggiunge che lo stesso viene distribuito anche dal Comune di Arluno.

Si tratta di un sistema molto semplice, un braccialetto ‘snap’, a scatto e autoavvolgente, di quelli usati dagli adolescenti, che non ha bisogno di batterie. Dopo aver sistemato il bambino sul seggiolino per l’auto, il bracciale, che non scivola e non si sfila accidentalmente, si fissa al polso, e, grazie alle sue dimensioni, al suo colore rosso e al messaggio impresso sopra ‘bimbo in auto’, aiuta a non dimenticarsi del bimbo in macchina allacciato al seggiolino.

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

“Uno dei nostri collaboratori è stato toccato da vicino da questo brutto episodio di bambini morti perché dimenticati in auto, così abbiamo pensato a qualcosa che possa aiutare le famiglie e in particolare i neo genitori”, ha detto Marco Ballarini, sindaco di Corbetta, a Tgcom24. E sono stati subito parecchi i residenti nell’Est Ticino a visionare il servizio con tanto di intervista al primo cittadino corbettese.

In Italia dal 2011, ogni anno, almeno un bambino muore perché viene dimenticato in auto “legato” al seggiolino.

(fonte: Askanews)

Articolo precedenteMagenta, “Bianca Bier Fest”: è qui la festa !
Articolo successivoAbbiategrasso e reddito di inclusione, ecco cosa cambia