NewsPolitica

Corbetta: al via il progetto per la nuova RSA

CORBETTA – In un Paese come l’Italia, dove l’età media della popolazione è in costante rialzo, le Amministrazioni non possono permettersi di fare “orecchie da mercante” di fronte alla pressante esigenza delle famiglie di poter accedere a servizi e strutture di assistenza per gli anziani. Corbetta, in questo senso, soffre un vuoto ventennale dovuto alla scarsità di posti nella Rsa in rapporto alla cittadinanza: solo 46, a servizio di quasi 18mila residenti.
Un vuoto che, ora, l’Amministrazione vuole colmare abbracciando il progetto della costruzione di una nuova Rsa su un terreno comunale, al confine con Magenta.
Si parla di 100 posti letto, di cui 20 dedicati al nucleo Alzheimer, più 20 posti per l’assistenza esclusivamente diurna, con un totale di 15.748 minuti di assistenza quotidiana garantiti. La struttura occuperà 5.534 metri quadrati coperti su tre piani, in un’area di 8.534 metri quadrati di verde con 76 posti auto. Non è tutto: a essere verde non sarà solo l’area in cui la Rsa sarà immersa, ma anche la filosofia alla base dei lavori. La struttura sarà, infatti, autosufficiente dal punto di vista energetico e idrico, grazie all’uso dell’acqua di falda e la raccolta delle acque
meteoriche.

“Finalmente abbiamo dato nuova linfa al progetto perché sono stati risolti i problemi che hanno rallentato la nascita della Rsa, fortemente voluta dalla nostra Amministrazione fin dal giorno dell’insediamento – spiega l’assessore ai Servizi sociali Marco Ballarini – problemi che non sono riusciti comunque a fermare il progredire delle varie fasi, dallo studio di fattibilità, il bando, la gara europea, il progetto definitivo e poi esecutivo ed infine oggi 18 giugno 2014 abbiamo affidato il cantiere alle imprese, dando il via all’opera.
Come sempre, preferiamo lasciare che siano i numeri a raccontare quanto fatto, e non le parole e i numeri ci dicono che la nuova Rsa che accoglierà i nostri anziani non solo non peserà sulle casse comunali, ma al contrario consentirà al municipio di tirare un sospiro di sollievo in questi tempi corbetta3economicamente difficili”.

L’opera avrà, infatti, un costo di 10 milioni di euro completamente coperti da privati, e il bando aperto secondo i parametri europei – ancora più sicuri in materia di trasparenza – è stato vinto da una cooperativa, la Universiis di Udine, che ha già versato 300mila euro al Comune come diritto di utilizzo del suolo per quarant’anni, al termine dei quali la struttura diventerà proprietà della comunità di Corbetta. Non solo: la nuova Rsa, permetterà la creazione di 50 nuovi posti di lavoro, per alcuni dei quali l’Assessorato ai Servizi Sociali ha co-finanziato in questi ultimi 2 anni corsi per Operatori Socio Sanitari per residenti di Corbetta.

“Questa formula ci consente di offrire ai cittadini un servizio di qualità, senza altre spese che vadano a gravare sulle famiglie, con rette più basse della media delle Rsa del distretto – conclude l’assessore – garantendo, grazie al nucleo dedicato agli ospiti affetti da Alzheimer, assistenza anche nei casi più complessi e che non possono essere gestiti senza l’aiuto di una struttura e di personale adeguati. Con la nuova residenza sanitaria vogliamo far sì che nessuna famiglia sia abbandonata nella cura e nell’assistenza agli anziani: davvero ritengo che sarà dura, per i detrattori e per chi fino
all’ultimo non credeva in questo successo, trovare questa volta un buon motivo per criticare
l’operato dell’Amministrazione”.

Related Articles

Back to top button

Utilizzando il sito, accetti l'utilizzo dei cookie da parte nostra. maggiori informazioni

Questo sito utilizza i cookie per fonire la migliore esperienza di navigazione possibile. Continuando a utilizzare questo sito senza modificare le impostazioni dei cookie o clicchi su "Accetta" permetti al loro utilizzo.

Chiudi