Controllo del territorio: il “Modello Forza Nuova” a Ferno

    109

    I militanti Forzanovisti poco prima di Natale hanno svolto una nuova “Passeggiata per la Sicurezza”

     

    FERNO/MALPENSA – Nella serata di mercoledì 21 dicembre i militanti di Forza Nuova Provincia di Varese hanno svolto per le vie di Ferno una nuova passeggiata per la sicurezza; in questa occasione hanno battuto il quadrante sud-est del paese: Via Marco Polo, Via Trento, Via Roma, Via Marconi, Via Fermi, Via della Libertà. 

    Federico Russo, responsabile provinciale, commenta così:  <<Siamo sia uomini che militanti politici di parola: come più volte espresso fino a che i cittadini continueranno a richiedere il nostro intervento, fino a che la fastidiosa problematica dei furti alle abitazioni non sarà risolta continueremo ad essere presenti per le strade del paese che non intendiamo certo consegnare ai delinquenti. Anche estendendo il discorso al di fuori dell’ambito comunale dalle Istituzioni, dalle altre formazioni politiche non riscontriamo lo stesso interesse, la nostra stessa dedizione: nonostante il mese ormai passato dal Prefetto nessuna risposta al nostro appello di ri-organizzazione dei corsi per osservatori volontari, dal centro destra da diversi anni nessuna spinta politica, nessun supporto militante a favore di tale forma di coinvolgimento popolare nel controllo del territorio (nonostante essa sia contemplata in un apposito decreto ministeriale firmato da Maroni nel 2009) convergendo, in diversi comuni della provincia, sul “controllo del vicinato”; un progetto puramente scenografico nato negli ambienti del centro-sinistra romano proprio per annullare la volontà dei cittadini a contribuire direttamente al ripristino della sicurezza collettiva quanto inefficace in quanto come testimoniano anche i recenti casi di effrazioni delle confinanti Samarate e Lonate Pozzolo ladri e scassinatori hanno dimostrato di avere ben altre preoccupazioni dei caratteristici cartelli fluorescenti o dei gruppi di informazione su whatsapp. I cittadini meritano più rispetto, i cittadini vanno assistiti e sostenuti giorno per giorno, le mobilitazioni significative non devono essere solo circoscritte temporalmente ad una scadenza elettorale o ad un fatto grave/eclatante…in linea di ciò anche a Ferno giorno dopo giorno il metodo, l’orientamento, l’agire forzanovista gode di nuovo sostegno e approvazione>>.

    *passeggiata 21 unopassegiata 21 due(fonte: Ufficio Stampa Forza Nuova Provincia di Varese)

    Articolo precedenteMagenta: da giovedì 12 torna il Filmforum al Nuovo
    Articolo successivoPonte di Robecco, summit tra Comuni. Si gioca la carta della diplomazia