Consorzio Navigli: insieme contro l’abbandono dei rifiuti

    113

    ALBAIRATE –  Se non è una rivoluzione poco  ci manca. I venti comuni del Consorzio dei Comuni dei Navigli dichiarano guerra ai cosiddetti littering  ossia piccoli rifiuti che letteralmente insudiciano un territorio di pregio qual è quello dell’est Ticino – compreso tra Navigli e fiume Ticino appunto – e che sono sostanzialmente il frutto dello scarso grado di civiltà di alcuni cittadini. Cartacce, mozziconi di sigaretta, ect. I primi a prendere la parola il sindaco di Albairate, il padrone di casa, Gianni Piolitini e Lucio Ferrè presidente del Consorzio Navigli. Chiaro il messaggio: “Questo territorio merita di essere salvaguardato. E il Consorzio che continua a sviluppare e innovare la gestione integrata dei rifiuti, ha deciso di fare un passo avanti attraverso progetti ad hoc, che prevedono azioni di contrasto ma anche la formazione di operatori e l’educazione dei cittadini al rispetto dell’ambiente”. 

    Nel corso della riunione che si è tenuta presso la Sala Consiliare del Municipio di Albairate si sono alternati diversi relatori. Tra questi il professor Giorgio Ghiringhelli presidente di ARS Ambiente Srl e docente di sostenibilità ambientale presso l’Università LIUC di Castellanza. Un appassionato autentico dell’argomento, tanto che da averci scritto anche un libro.  “Serve una presa di coscienza dal basso.Ma  servono anche risorse. Contro il ‘littering’ ossia i piccoli abbandoni”.   Quindi, Gabriele Verona (Vice Direttore Divisione Servizi Ambientali Idealservice Soc. Coop.) e Christian Migliorati direttore del Consorzio dei Comuni dei Navigli.

    Dopodiché è entrato nel dettaglio, del sistema di monitoraggio Web-Gis. “Le dimensioni del Consorzio sono ideali per questo progetto. Ci siamo dati un orizzonte temporale di almeno 2 anni con anche un’attività di comunicazione dedicata”.
    Il sistema prevede una localizzazione del sistema attraverso smartphone, con l’individuazione così del luogo, con una App dedicata. E’ previsto anche un monitoraggio con un report di valutazione sulle recidività delle micro discariche.  Sono previste anche attività di comunicazione ad hoc.
    Per quanto riguarda gli altri progetti il secondo e il terzo della Ideal Service che riguardano rispettivamente la campagna contro le deiezioni canine nei luoghi pubblici e quella contro la dispersione dei mozziconi di sigaretta nell’ambiente che prevedono pure sentinelle ecologiche per il monitoraggio del territorio, con il compito di sorvegliare e proteggere lo spazio urbano dall’incuria, anche grazie al posizionamento e gestione di sistemi mobili di videosorveglianza.

    F.V.

    Articolo precedenteSinistra alla ricerca di un altro leader (da rottamare?)
    Articolo successivoMagenta, Ospedale: dal 2 luglio cambia il percorso verso il Corpo F