Consiglio comunale: il bilancio arriva in aula

    62

    MAGENTA –  Doppia seduta di Consiglio comunale in programma tra lunedì e martedì prossimo.  Si parte, alle 19,30, per poi proseguire fino ad oltranza. Quindi, la serata successiva con inizio alle 21.  Lungo e corposo l’Ordine del Giorno. In evidenza, anche la già annunciata soppressione della Commissione Edilizia, in discussione anche l’adeguamento del piano per le Alienazioni e Valorizzazioni Immobiliari. Quindi, il piatto forte con il bilancio di previsione e il piano delle opere pubbliche per il triennio 2018/2020. Qui sotto l’Ordine del Giorno completo:

     

     

     

     

     

     

     

     

     

     

    1. Azienda Speciale Consortile Servizi alla Persona – Approvazione Piano
    Programma e Bilancio di Previsione
    2. Soppressione della Commissione Edilizia Comunale – Modifica del Regolamento
    Edilizio Comunale – Approvazione
    3. Nota di aggiornamento del Documento Unico di Programmazione 2018/2020 –
    Approvazione
    4. Imposta Municipale Propria (IMU) – Approvazione delle aliquote per l’anno 2018
    5. Determinazione per il 2018, ai fini dell’IMU, del Valore delle Aree Fabbricabili Ubicate nel Comune di Magenta, ai sensi dell’art. 59 del D.Lgs n. 446/1997
     

     

    6. Tributo sui Servizi Indivisibili (TASI) – Approvazione delle aliquote per l’anno 2018
    7. Tassa sui Rifiuti (TARI) – Approvazione Piano Finanziario anno 2018
    8. Tassa sui Rifiuti (TARI) – Approvazione delle tariffe anno 2018
    9. Addizionale Comunale all’IRPEF anno 2018
    10. Verifica delle Quantità e Qualità delle Aree P.E.E.P. e P.I.P.
    11. Legge 6 Agosto 2008 n. 133, art. 58. Aggiornamento del Piano delle Alienazioni e
    Valorizzazioni Immobiliari 2018/2020 – Approvazione
    12. Programma Triennale delle Opere Pubbliche 2018/2020 – Approvazione
    13. Approvazione del Bilancio di Previsione 2018/2020 e relativi allegati

    Articolo precedenteForza Italia contro Sgarella
    Articolo successivoRiapertura notturna del PS e rilancio dell’Ospedale di Bià