Confimprese: a marzo ripresa di ristorazione e viaggi, ma siamo sempre sotto il 2019

94

 

MILANO   L’Osservatorio permanente sull’andamento dei consumi nei settori ristorazione, abbigliamento e retail non food elaborato da Confimprese-EY evidenzia un rallentamento delle vendite nel mese di marzo 2022, che chiude a -19,3% rispetto a marzo 2019, anno pre-pandemia.

Se si guarda nel dettaglio continua il recupero della ristorazione a -8,7% e “a sorpresa” recupera il settore viaggi che chiude a -18,6% dopo due anni di crisi. Continua invece la discesa del settore abbigliamento-accessori che chiude il mese a -31,3%, il retail non food scende a -8,7%, perdono terreno i centri commerciali -25,8% e le high street -27%. La prossimita’ conferma le mutate abitudini d’acquisto dei consumatori con una flessione contenuta a -7,9%.

“Questo scenario desta preoccupazione, anche perche’ aggravato dall’aumento dall’inflazione e dal conflitto in Ucraina, che pone seri dubbi su una ripresa a breve termine del retail” commenta Mario Maiocchi, direttore Centro studi retail Confimprese . “Nonostante gli ultimi due anni abbiano profondamente mutato le abitudini di consumo degli italiani, sempre piu’ orientati a fare acquisti in modalita’ digitale, i dati ci evidenziano anche la volonta’ dei consumatori di tornare a valorizzare il proprio tempo libero. Un trend dimostrato dalla ripresa del travel a -18,6% e l’aumento dei consumi nelle citta’ del sud, con Napoli che fa registrare l’unico trend con segno positivo tra le citta’ italiane a +35,4%, grazie anche all’apertura di nuovi punti vendita” aggiunge Stefano Vittucci, Consumer Products and Retail Sector leader di EY in Italia.

Articolo precedenteEscursionista milanese 25enne trovato morto ai Piani di Bobbio
Articolo successivoFontana: The Guardian incorona l’Oltrepo Pavese