Confermato il divieto di balneazione nelle acque del Ticino

    168

    ABBIATEGRASSO –  Come ogni anno, l’Azienda Territoriale Sanitaria (ATS) della Città Metropolitana di Milano ha prelevato e classificato, come previsto dalla normativa, alcuni campioni delle acque di balneazione del fiume Ticino. In particolare, per l’Abbiatense, nel centro balneare Gabana i risultati del monitoraggio hanno evidenziato che le acque analizzate sono complessivamente di qualità scarsa.

    ATS precisa anche che i Navigli e i Canali non sono, per loro natura intrinseca, corsi d’acqua destinati alla balneazione. Inoltre non ci sono sul territorio abbiatense dei luoghi che consentano di accedere e fruire delle acque in condizioni di sicurezza, e neppure sistemi che impediscano che la permanenza dei bagnanti nell’acqua possa diventare fonte di inquinamento, anche a causa dell’abbandono dei rifiuti. Infine, non c’è la possibilità di fornire informazioni puntuali e aggiornate sulle caratteristiche igienico-sanitarie delle acque e sulle condizioni meteo-climatiche.

    Per quanto sopra detto, e in base ai parametri indicati dalla normativa sia europea, sia nazionale e regionale, per salvaguardare la sicurezza e la salute pubblica, il Sindaco con l’ordinanza n.85 del 4/7/2019 ha dichiarato NON BALNEABILI IL TRATTO RIVIERASCO DEL FIUME TICINO DENOMINATO “CENTRO BALNEARE GABANA” DI COMPETENZA COMUNALE e ha ordinato IL DIVIETO DI BALNEAZIONE PERMANENTE.

    Le zone interdette alla balneazione sono delimitate e indicate dall’apposita segnaletica, collocata in prossimità di ciascun accesso verso le acque. In caso di controlli da parte delle forze dell’ordine, coloro che infrangeranno le disposizioni previste dall’ordinanza saranno sanzionati a norma di legge.

    Per informazioni, è possibile contattare il servizio Ecologia e Ambiente del Comune ai numeri 02-94692.328/319, oppure via email all’indirizzo servizio.ambiente@comune.abbategrasso.mi.it

    Clicca qui per scaricare il testo completo dell’ordinanza

    Articolo precedenteRazzano suona la sveglia: “Ma il Sindaco Calati lo sa che il bando di Regione per Leonardo è scaduto il 26 giugno?”
    Articolo successivoTreni & disagi. L’Assessore Terzi garantisce: “Quelli in arrivo saranno efficienti e a ridotto impatto ambientale”