CronacaEconomia/LavoroNews

Confcommercio Milano: 40% disdette per hotel, -15% fatturato dei bar

Il segretario Barbieri: chiediamo l'estensione del Fis (Fondo Integrazione Salariale)e la sospensione dei mutui

MILANO  – I provvedimenti restrittivi in vigore da domenica scorsa in Lombardia per evitare la diffusione del contagio da Coronavirus hanno portato ad un calo del fatturato del 10/15 per cento per i bar e nel settore alberghiero ad una media del 35/40 per cento di disdette, con picchi anche del 60/70 per cento per alcuni hotel, con percentuali simili anche per i tour operator. Lo rileva il segretario generale di Unione Confcommercio Milano Lodi Monza e Brianza, Marco Barbieri. “Ogni anno arrivano a Milano 400mila turisti”, ha sottolineato Barbieri per dare un’idea delle dimensioni del danno economico potenziale per l’economia lombarda. “E in media ognuno di questi 400 mila turisti rimane in città 2 giorni, due giorni e mezzo, con capacità di spesa di 1.200 euro al giorno”.

 

Barbieri distingue tre fasi, ognuna delle quali ha inciso in maniera diversa sul giro d’affari del commercio milanese. La prima fase, iniziata prima dei provvedimenti, che ha registrato le conseguenze della psicosi Coronavirus sulle imprese cinesi, per esempio i ristoranti, ma anche le italiane che fanno import-export con la Cina. L’incidenza del calo del business è stata del 15 per cento (a cui si è aggiunto un analogo calo in seguito agli ultimi provvedimenti). C’è stata poi una seconda fase, dettata dal provvedimento di venerdì scorso, quello sui dieci comuni della cosiddetta zona rossa, con “450 imprese” molte delle quali sono passate da 100 a zero di fatturato. Infine la terza fase, quella dell’intervento diretto nei settori dei bar, con chiusura dalle 18, che ha inciso nelle discoteche e indirettamente nel settore alberghiero. “Va considerato – ha aggiunto Barbieri – che l’economia milanese incide sull’economia italiana per il 10 per cento e il 22 per cento della lombarda su quella italiana”.

Confcommercio non è ancora in grado di valutare l’impatto degli ultimi provvedimenti sul Pil nazionale. “Per una stima corretta e aggiornata occorre attendere l’evolversi degli eventi e capire la durata della restrizioni. Il nostro ufficio federale – ha ricordato Barbieri – aveva calcolato ante venerdì un calo dello 0,3% del pil nazionale”.

Al governo la Confcommercio ha rivolto tre richieste. Una, già esaudita ieri sera con il decreto annunciato dal ministro dell’Economia Roberto Gualtieri, sulla sospensione dei tributi per gli abitanti nella zona rossa. La seconda richiesta è in materia contributiva dei lavoratori: l’estensione del Fis, il Fondo di integrazione salariale, che è finanziato dalle aziende presso l’Inps, anche alle imprese con meno di 15 dipendenti. E
infine la richiesta di proroga di rate per i mutui e finanziamenti con le banche per gli abitanti e le aziende, in primis, della zona rossa, per cui c’è già un tavolo aperto con l’Abi. Previsioni sulla durata della crisi? “Viviamo giorno per giorno, monitoriamo l’evoluzione dei provvedimenti delle autorità competenti. E’ chiaro che speriamo che domenica finisca tutto”. (fonte: ASKANEWS)

Redazione

Redazione Ticino Notizie

Related Articles

Back to top button

Utilizzando il sito, accetti l'utilizzo dei cookie da parte nostra. maggiori informazioni

Questo sito utilizza i cookie per fonire la migliore esperienza di navigazione possibile. Continuando a utilizzare questo sito senza modificare le impostazioni dei cookie o clicchi su "Accetta" permetti al loro utilizzo.

Chiudi