Confartigianato Alto Milanese: ‘Parrucchieri ed estetisti, persi 420 milioni di euro nel 2020 in Lombardia’

    97

     

    LEGNANO – 450 milioni di euro: sono i mancati ricavi totalizzati nel 2020 nella sola Lombardia dalle quasi 25mila imprese del settore del benessere. “La situazione economica è particolarmente grave in questo settore ad alta presenza di imprese artigiane, oltre 20mila pari all’83,9% del totale – sottolinea Gianfranco Sanavia, Presidente di Confartigianato Imprese Alto Milanese – Ora serve dare un supporto concreto a queste categorie per permettere agli imprenditori di andare avanti per le settimane di chiusure ancora necessarie: servono ristori adeguati ed erogati in tempi rapidi, così come è indispensabile accelerare la campagna vaccinale, perché il ritorno alla propria attività possa poi avvenire in completa sicurezza”.

    Dal 6 marzo all’inizio di aprile 2021 in Lombardia, in area rossa per 22 giorni, la chiusura delle attività regolari ha reso contendibile all’abusivismo il 71% dei ricavi. L’abusivismo genera un ingente danno economico e sociale. Gli effetti negativi della concorrenza sleale dell’abusivismo sulle imprese regolari del settore, ampliati a seguito dei lockdown e la chiusura delle attività del benessere, sono particolarmente pesanti: anche perché, sulla base dei dati Istat, si stima nei servizi alla persona un tasso di lavoro indipendente irregolare del 26,1%, per cui la chiusura di acconciatori e centri di estetica nelle aree rosse apre spazi di domanda per un’offerta irregolare caratterizzata da un esercito potenziale di abusivi composto in Lombardia da 7 mila soggetti.

    Confartigianato e le associazioni di categoria a sostegno del settore Benessere hanno promosso una petizione, affinché la riapertura delle imprese in zona rossa possa arrestare il dilagare dell’abusivismo.
    “La chiusura delle attività di estetica e acconciatura nelle zone rosse favorisce l’attività di abusivi e irregolari, con un conseguente rischio maggiore di contagio e diffusione del Covid-19 – ricorda il Presidente Gianfranco Sanavia – Al di là dei pesanti danni economici a carico delle imprese, i provvedimenti devono fornire gli strumenti per gestire una pericolosa proliferazione dell’offerta irregolare. Confartigianato chiede alle Istituzioni un impegno massivo sui territori affinché vengano intensificati, accertati e circoscritti i fenomeni di abusivismo”.

    Considerato il rischio a cui sono sottoposti tutti gli operatori, la campagna vaccinale per questi soggetti deve essere prioritaria e garantire la loro incolumità dal punto di visto della sicurezza sanitaria, dall’altro il Governo deve operare affinché le misure messe a disposizione per la categoria si traducano in ristori e rimborsi concreti e di sostanza, proporzionati ai costi che le imprese devono sostenere, a partire dal rimborso dei canoni di locazione fino al costo del personale.02

    Articolo precedenteBotulino: quando prenderlo in considerazione e quali sono i suoi vantaggi. A cura del dottor Umberto Napoli
    Articolo successivoSindaci e vaccini/1, in 100 scrivono alla Regione: ‘Ecco cosa non va’