Concerto stellare all’Annunciata di Abbiategrasso

    55

    ABBIATEGRASSO – Una serata perfetta: orchestra e coro, in stato di grazia, hanno deliziato un pubblico straripante sabato sera all’Annunciata. Hollywood party è stato il titolo della serata perché il programma prevedeva la riproposizione di famose colonne sonore che hanno contribuito a rendere immortali grandi film italiani e americani.

    Brani di grande fascino e complessità compositiva, pietre miliari della storia della musica del Novecento che, a pieno titolo, sono considerati grandi classici contemporanei. Il primo brano affrontato dall’orchestra è stata è una collezione di temi musicali che fanno da sfondo alle vicende del capitano Jack Sparrow.  Composta dal maestro Klaus Badelt, la colonna sonora di Pirati dei Caraibi descrive con la musica le diverse anime del film: l’ironia, il coraggio, le epiche battagli navali. Poi la musica di Games of Thrones ha portato in scena cavalieri valorosi, re, regine, inganni, tradimenti, omicidi. Per Star Wars,Sir John Williams si è ispirato a Verdi e Wagner: ogni personaggio di un film è legato ad un tema musicale così da evocarne la presenza anche quando non è in scena. Repertorio vario, sofisticato e poliglotta sempre legato a grandi film internazionali anche quello del coro diretto dalla bravissima Silvia Gatti: prima tutti insieme con Voissur ton, Somewereonlyweknowe Shosholosa,poi il duo Dario Rallo e Marta Coinu  con La vita è bella di Nicola Piovani e a chiudere l’emozionante esibizione corale diSpace Odditydel leggendario David Bowie

    Alla ripresa l’orchestra propone Morricone e Nino Rota,grandissimi compositori italiani conosciuti in tutto il mondo:la loro musica riesce immediatamente a far rivivere lo spirito visionario dei racconti di registi geniali comeFellini e Benigni.

    Bastano poche note per ricreare lo spirito di C’era una volta in America di Morricone, e poi l’orchestra chiude il suo programma con un grande Omaggio a Nino Rota, con i temi di Amarcord, de Il Padrino, e soprattutto il trascinante tema di 8 e mezzo. Il pubblico, davvero vario, è stato coinvolto e commosso dalla bravura dei ragazzi e dallo loro capacità interpretativa frutto di un lavoro collettivo reso possibile dalla disponibilità dei maestri che li hanno preparati e seguiti anche in sala: Katia Villa, Gianluigi Midali,Alessandro Rossi, Marina Mainardi e Paola Camponovo,e dal direttore del concerto Michele Fagnani.

     

     

     

     

     

     

     

     

     

     

     

     

    Nulla di tutto ciò sarebbe stato possibile senza la collaborazione di tanti volontari che hanno lavorato per allestire la serata e senza la disponibilità del Comune di Abbiategrasso e degli sponsor: Nuovo Albergo Italia, Coop. Piergiorgio Frassati, Radio SP30 e Avis Abbiategrasso, presente in sala per ricordare l’importanza della donazione di sangue. Chi si è perso la serata può rimediare: l’orchestra si esibirà di nuovo per il gemellaggio con Ellwangen sabato 12 maggio, ma prima c’è l’imperdibile concerto che vedrà protagonisti Michele Fagnani e Giuseppe Cacciola, percussionista del Teatro alla Scala domenica 15 Aprile, ore 17 nei sotterranei del Castello Visconteo.

    C.T.

    Articolo precedenteGelli esalta lo ‘Zar Putin’ e Razzano lo pizzica
    Articolo successivoOperazione “Hydra”: Truffe e fallimenti “pilotati” coinvolte 82 società “fantasma”, in 9 in carcere