‘++Colpo di scena (parziale): strada Malpensa e Milano Mortara commissariate dal Governo. Si faranno (finalmente)? Sperem

    67

     

    ABBIATEGRASSO MAGENTA Lo avevano evocato settimane fa il coordinatore regionale della Lega, Fabrizio Cecchetti, e il viceministro alle Infrastrutture Alessandro Morelli, anch’egli leghista. Il Governo Draghi ha deciso di commissariare (con l’obiettivo, auspicato, di concluderle dopo anni di attesa) 15 opere infrastrutturali in Lombardia, tra cui la superstrada Vigevano-Bià-Magenta-Malpensa e il raddoppio della linea ferroviaria Milano Mortara.

    Ne dà notizia il quotidiano Il Giorno con un servizio di Francesco Pellegatta.

    Le due opere lombarde sarebbero tra quelle  che la segreteria tecnica del Ministero delle Infrastrutture e della Mobilità sostenibile ha deciso di commissariare, sfruttando il cosiddetto “sblocca cantieri”.

    L’obiettivo è accelerare l’iter burocratico, così da arrivare il prima possibile ai cantieri. Né strada né raddoppio sono tuttavia state incluse tra le opere da realizzare in vista delle Olimpiadi di Milano-Cortina, per le quali esiste già una copertura finanziaria totale. Nel caso dei due progetti citati, infatti, la copertura economica risulta, al momento, parziale.

    Nello scorso mese di marzo, invece, la commissione lavori pubblici del Senato aveva indicato la Vigevano-Malpensa tra le opere da “commissariare” per velocizzarne la costruzione.

    Se varato, il provvedimento porterebbe a  una revisione alle regole in materia di grandi opere con lo scopo di far partire, e in fretta, alcune infrastrutture ritenute importanti per lo sviluppo del paese e già in possesso di determinati requisiti (fondamentalmente, un iter già avviato).

    Il modello da seguire sarebbe quello utilizzato per il completamento del ponte Morandi di Genova, con la nomina di un commissario che possa sbloccare e velocizzare il complesso iter di realizzazione delle opere “incagliate”.

    Avendone sentite di tutti i colori sul destino di questi due interventi, da decenni a questa parte, da parte nostra aggiungiamo solo un laconico sperem.

    Articolo precedenteVittuone, caso piscina: Sport Active replica al Comune
    Articolo successivoAvis Lombardia, ieri la 50° assemblea regionale: gli iscritti sono 275mila