+Coldiretti: peste suina, bene abbattimento dei cinghiali deciso dalla Lombardia

136

 

MILANO  La peste suina rappresenta una grave minaccia per i nostri allevamenti e il rischio dell’espandersi del contagio dentro alle stalle costituirebbe un danno importante soprattutto in Lombardia dove è allevato oltre il 50% dei maiali italiani.

È quanto afferma la Coldiretti regionale nell’accogliere positivamente l’approvazione da parte della Giunta lombarda del Piano regionale di interventi urgenti per la gestione, il controllo e l’eradicazione della Peste suina africana nei suini di allevamento e nella specie cinghiale per il periodo 2022/2025, così come annunciato dall’assessore all’Agricoltura, Alimentazione e Sistemi Verdi, Fabio Rolfi.”Più volte abbiamo denunciato i pericoli della proliferazione e diffusione senza freni di questi ungulati – continua la Coldiretti Lombardia – che oltre a provocare danni nelle campagne e incidenti, rappresentano un pericoloso veicolo per la peste suina. La diffusione di questa malattia – prosegue la Coldiretti regionale – minaccia anche quattro salumi di qualità su cinque prodotti in Lombardia, che rischiano di scomparire se il virus dovesse diffondersi negli allevamenti di maiali. Ogni iniziativa che può aiutare a contenere la presenza di questi animali è quindi importante”.

Articolo precedente++Covid, primo caso dimostrato di passaggio da gatto a uomo
Articolo successivoRegione Lombardia: ‘impegnati a salvare raccolto agricolo da siccità’