Città Metropolitana: contributi per il PEBA nei Comuni sotto i 5mila abitanti. Ecco l’avviso pubblico, scade il 30 aprile

98

Un’importante occasione per gli enti locali, che possono ottenere fino a 5mila euro a sostegno della redazione o aggiornamento dei Piani di Eliminazione delle Barriere Architettoniche. L’appello della consigliera delegata Diana De Marchi agli amministratori: “Una grande opportunità verso l’inclusione, aderite”.

 

MILANO – Via libera all’Avviso pubblico che porterà all’assegnazione di contributi regionali finalizzati alla redazione o l’aggiornamento dei Piani di Eliminazione delle Barriere Architettoniche (PEBA) per i Comuni al di sotto dei 5.000 abitanti del territorio della Città metropolitana di Milano. La domanda deve essere inviata via PEC all’indirizzo protocollo@pec.cittametropolitana.mi.it, entro le 12.30 del 30 aprile 2022.

L’inclusione è un tema chiave per l’ente di area vasta che vuole favorire l’applicazione di buone pratiche in tutto il suo territorio, sulla scia di quanto previsto dalla Strategia europea sulla disabilità 2010-2020 che punta ad “Un rinnovato impegno per un’Europa senza barriere”, per la piena partecipazione delle persone disabili alla società e all’economia e per una crescita intelligente, sostenibile e inclusiva.

La strategia è incentrata sull’eliminazione delle barriere attraverso otto ambiti di azione principali: l’accessibilità, la partecipazione, l’uguaglianza, l’occupazione, l’istruzione e la formazione, la protezione sociale, la salute e le azioni esterne.  Regione Lombardia, in collaborazione diretta con Città metropolitana di Milano e le Province lombarde, ha attivato un articolato programma di iniziative finalizzate a migliorare le condizioni di accessibilità e a garantire pari opportunità.

A fine gennaio è stata siglata l’intesa tra gli enti; da qui la pubblicazione dell’avviso pubblico, dopo la delibera del sindaco metropolitano firmata dalla consigliera delegata Diana De Marchi, per l’assegnazione della misura di sostegno alle spese affrontate per la redazione o l’aggiornamento dei PEBA da parte dei piccoli Comuni.  A disposizione 30mila con contributi fino a 5mila euro, erogabili in due parti, di cui la più consistente, il 70%, dopo la rendicontazione delle spese.

“La Città metropolitana di Milano crede molto nell’inclusione sociale e nella parità di accesso ai servizi da parte di tutti le cittadine e i cittadini – afferma con convinzione la consigliera delegata a Lavoro e Politiche sociali, Diana De Marchi – E’ fondamentale, quindi, che ci si attivi a tutti i livelli per abbattere le barriere ideologiche e fisiche che ancora esistono nel nostro territorio. Grazie all’accordo con Regione Lombardia, il nostro ente mette quindi risorse concrete a disposizione dei piccoli Comuni che desiderano aggiornare o redigere il Piano di Eliminazione delle Barriere Architettoniche, quale primo passo verso la reale inclusione. Invito tutti gli amministratori delle realtà sotto i 5mila abitanti a presentare domanda per avere accesso alle risorse regionali”.

La copia integrale dell’Avviso e dei relativi allegati è sul sito istituzionale dell’ente:

https://www.cittametropolitana.mi.it/portale/amministrazionetrasparente/bandi_gara_contratti/Informazioni-su-bandi-avviso-ed-siti-di-gara.html

 

Articolo precedenteMagentino, prezzi benzina alle stelle. Petrocelli della FIGISC: “Non colpevolizzate i gestori, anche noi siamo vittime”
Articolo successivoParlare a sproposito, ovvero, l’arte del non tacere. A cura di Laura Giulia D’Orso