Sport

Ciclismo sport da dopati? Ma per favore..

Il nostro illustre collaboratore Andrea Noè affronta un tema di grande delicatezza ed attualità: il rapporto tra ciclismo, sport, doping e cattiva informazione. Un articolo tutto da leggere!

Mala informazione e poca professionalità di molti giornalisti,succubi del potere e obbligati a scrivere quello che gli viene detto, e non sempre ciò che scrivono equivale a tutta la verità. Ma non dovrebbe esserci libertà di stampa? Non si dovrebbe fare una buona informazione? La gente crede a ciò che legge,a ciò che la tv gli mette davanti tutti i giorni. La gente si fida,ci crede e molte volte non sa e fa confusione, mentre chi sa fa finta di non capire.

 E allora parliamo pure del ciclismo,lo sport dei drogati. Il ciclista è un drogato. Questa e’ l’etichetta che ci portiamo appresso da molti anni. Non abbiamo fatto niente per sfatare  questo (pre)giudizio, è certo. Anzi,i casi di doping sono tanti e alcuni molto eclatanti. Armstrong, Cipollini(ancora tutto da dimostrare) e un Basso riabilitato, esempio del ciclista pentito, accusato d’aver dichiarato a suo tempo il falso. Nessuno vuole difendere chi ha sbagliato. E’ giusto condannare chi è colpevole. Ma c’è sempre un grande MA,che la gente comune non sa, perché chi ha il potere mediatico e politico vuol tenerlo nascosto.

Prendiamo ad esempio l’Operacion Puerto: 500 sportivi coinvolti, 250 sacche di sangue in frigorifero. Sono emersi solo i nomi di qualche ciclista. Traendo spunto da quello scritto da Davide Cassani , e con l’aggiunta del mio contributo,ne esce qualcosa su cui riflettere. Come scrivono in molti e molti sanno, Fuentes (il medico inquisito) è disposto a collegare i codici ai nomi, ma nessuno gli chiede nulla. Il file del computer non viene toccato per il diritto alla privacy. Qualcuno pensa bene di lasciare le sacche di sangue fuori dal frigorifero cosi, essendo danneggiate, non servono più a nulla e non possono danneggiare molti sport potenti. Il presidente della Real Sociedad ,una squadra di calcio,accusa il suo predecessore dicendo che ha pagato centinaia di migliaia di euro per l’acquisto di medicinali illeciti. Notizia che va a finire,in breve tempo, nel dimenticatoio. Su un numero imprecisato di sacche c’era scritto “campionato d’Europa”,riconducibili al Milan,ma subito la notizia non ha acquistato peso,perché assurda e priva di fondamento. Più nessuno vuole e va ad approfondire la notizia, che e va a finire in breve tempo nel dimenticatoio. Tutti sanno che Fuentes ha curato tennisti, calciatori,  professionisti di atletica leggera, ma i nomi non vengono mai fuori. Poi arriva Damiano Tommasi,presidente dell’associazione calciatori,affermando che certi controlli non servono perché il calcio non è uno sport dopato come altri (…) . Eppure, a suo tempo hanno creduto alla carne contaminata del cinghiale,alla crema usata dalla fidanzata, ai mancati controlli post partita perché in riunione con il presidente della squadra, al rifiuto di eseguire controlli del sangue, a video che ritraevano calciatori con delle  flebo. Ma davvero pensate che il doping sia un problema unicamente del ciclismo? Ma perché altri sport,in primis i calciatori, si rifiutano da anni di fare il passaporto biologico, gli esami del sangue, di garantire la reperibilità obbligatoria? Ma perché molta gente,molti sportivi in particolare,non sanno tutto questo? MA perché non esiste equità nei controlli? MA perché non esiste equità di giudizio in caso di doping? MA perché non esiste equità mediatica,ma esiste cattiva informazione? TROPPI MA , contrapposti a pochissime certezze …..

Perché il potere e il denaro,come accade sempre, prevalgono purtroppo su tutto il resto.

Andrea Noè

Vedi Altro

Potrebbe Interessarti

WP Facebook Auto Publish Powered By : XYZScripts.com
Close

Utilizzando il sito, accetti l'utilizzo dei cookie da parte nostra. maggiori informazioni

Questo sito utilizza i cookie per fonire la migliore esperienza di navigazione possibile. Continuando a utilizzare questo sito senza modificare le impostazioni dei cookie o clicchi su "Accetta" permetti al loro utilizzo.

Chiudi