Chiara Calati raggiante: “Battaglia una vittoria di tutti”

    19

    MAGENTA – “Una grande partecipazione di pubblico e una macchina organizzativa che ha funzionato al meglio grazie al contributo di tutti”.

    E’ particolarmente soddisfatta il Sindaco Chiara Calati per l’andamento delle celebrazioni di questo 160 anniversario che hanno avuto, come noto, come teatro per la rievocazione Villa Naj Oleari. “E’ andato tutto per il meglio e c’è stata davvero una grande partecipazione di pubblico. Devo ringraziare la macchina comunale, la Pro Loco, le Forze dell’Ordine, la nostra Polizia locale, il mondo delle associazioni che si sono prodigate affinché tutto andasse per il meglio. E così in effetti è stato”. Il Primo cittadino si è detto particolarmente onorato anche della nutrita presenza istituzionale: “Abbiamo avuto 31 Comuni, il gonfalone di Regione Lombardia, la Ville de Magenta, Sant’Anna di Stazzema, i Comuni dei Luoghi della Battaglia, i Consoli Francesi, di Romani, l’Ungheria con la quale stiamo costruendo un nuovo gemellaggio…”.

    Insomma, bene molto bene il Sindaco e la sua Amministrazione. Così come il messaggio del Presidente della Repubblica Sergio Mattarella, la presenza dell’On.le Alessandro Colucci, dei Consiglieri regionali Luca Del Gobbo e Silvia Scurati.  

    Siamo davvero stanchi ma felici – ha commentato il Sindaco – un grazie anche a tutto il mondo del commercio che si è prodigato con menù degustazione speciali, menù a tema. E naturalmente agli oltre 200 figuranti che hanno ricreato l’atmosfera di quel 1859″. 

    Domanda d’obbligo e di rito per il Sindaco: “Dunque Villa Naj Oleari potrebbe diventare la nuova location per la rievocazione storica anche nei prossimi anni?”

    Chiara Calati non dice di no. Anzi. “Però è indubbio che gli sponsor ci dovranno credere e dare una mano perché una manifestazione del genere ha dei costi significativi”. Ma visto che Magenta deve tornare a volare….bisogna volare e pensare in grande…

    F.V.

     

     

    Articolo precedenteLiceo Musicale, ci scrive anche Progetto Magenta: “Un’altra brutta pagina per le istituzioni”
    Articolo successivoA breve i lavori presso il Libero Ferrario di Parabiago