+Che storia: la Questura di Milano trova e rimpatria Mustafà, 23 anni, che in Guinea i familiari credevano morto..

174

 

MILANO  Mustafa è un ragazzo di 23 anni che sei anni fa ha lasciato il suo paese, Guinea Conakry, ed è arrivato in Italia: una storia apparentemente simile a quella di tanti ragazzi africani che affrontano un lungo viaggio in cerca di un futuro migliore.

 

Mustafa ci prova, ma non riesce a integrarsi: vive in clandestinità, senza un’identità, senza una casa e senza un lavoro. Lo scorso giugno viene trovato a Milano in stato confusionale e in precarie condizioni igieniche e viene accompagnato al pronto soccorso dell’ospedale Niguarda: dalla sensibilità dei medici del Centro di etnopsichiatria e dalla necessità di dare un’identità al giovane, è iniziata una stretta collaborazione tra l’ospedale, l’Ufficio immigrazione della questura di Milano e il consolato della Guinea. Un lavoro corale che ha permesso, con non poche difficoltà, di rintracciare la famiglia del 23enne che lo riteneva morto: dopo averlo cercato per anni i genitori avevano perso le speranza. I poliziotti della questura di Milano hanno organizzato il rientro con un volo di linea, direzione Conakry, dove ad accoglierlo ci sarà tutta la famiglia. 

Articolo precedenteLa Roma piega il Lecce, per Dybala gol e infortunio
Articolo successivoMilano come Beirut/1: 28enne ubriaco prende a bastonate un adolescente