Cgil Ticino Olona: domani assemblea in ‘Sala Galli’ a Magenta, ‘Siamo valore pubblico’

    54

    MAGENTA – Domani la Funzione Pubblica Cgil Ticino Olona entra nel vivo della campagna elettorale per il rinnovo delle Rappresentanze Sindacali Unitarie dei comparti pubblici,  con un’iniziativa dedicata alle candidate e ai candidati. Circa 6.000 lavoratrici e lavoratori del pubblico impiego del Ticino-Olona saranno chiamati al voto il 17-18-19 aprile per eleggere i propri rappresentanti sindacali sul posto di lavoro.


    “E’ un grande momento di partecipazione democratica, ed è importante che tutte lavoratrici e i lavoratori si rechino a votare, per scegliere i propri rappresentanti,  affinché in ogni singolo luogo di lavoro, si  sviluppi un sistema di relazioni sindacali che riconosca la contrattazione di secondo livello come strumento necessario per:

    • migliorare l’organizzazione del lavoro, coniugando il benessere del lavoratore con la soddisfazione del cittadino;
    • valorizzare professionalità e competenze in una logica di difesa e di implementazione dei servizi pubblici

     

    Con il rinnovo dei contratti delle Funzioni Locali, Funzioni Centrali e della Sanità Pubblica è stato  riconquistato uno spazio di contrattazione scippato dalla legge Brunetta. Le Rsu che i lavoratori eleggeranno ad aprile dovranno anche misurarsi con la stagione dei prossimi rinnovi contrattuali. E’ evidente l’importanza e la delicatezza delle funzioni che le nuove Rsu assumeranno.

    L’iniziativa delle candidate e dei candidati organizzata dalla Fp Cgil Ticino Olona, sostenuta anche dalla  Camera del Lavoro del Ticino-Olona si terrà venerdì 6 aprile 2018 alle ore 9.30 c/o l’ex aula consiliare del Comune di  Magenta, piazza Formenti 1.

    Partecipano:

    Alessandro Amadori, vicepresidente Istituto Piepoli,

    Vera Addamo, segretaria generale Fp Cgil Ticino-Olona,

    Jorge Torre, segretario generale Cgil Ticino-Olona (nella foto sopra),

    Manuela Vanoli, segretaria generale Fp Cgil Lombardia.

    Articolo precedenteMagenta: “Vogliamo ancora il vigile fuori dalle Madri Canossiane…”
    Articolo successivo10.23, via al nuovo Consiglio Regionale della Lombardia