― pubblicità ―

Dall'archivio:

Cesano Boscone. Tante gambe, un solo CUORE. III marcia podistica contro la violenza con il Circolo donne Sibilla Aleramo

+ Segui Ticino Notizie

Ricevi le notizie prima di tutti e rimani aggiornato su quello che offre il territorio in cui vivi.

Attenzione: questo articolo fa parte dell'archivio di Ticino Notizie.

Potrebbe contenere informazioni obsolete o visioni da contestualizzare rispetto alla data di pubblicazione.

Il 18 settembre nell’ambito della Festa Patronale e con il Patrocinio del Comune

CESANO BOSCONE  – Dopo la pausa forzata, dovuta alla pandemia, il Circolo donne Sibilla Aleramo propone, nell’ambito della tradizionale Festa Patronale, Tante gambe un solo CUORE contro la violenza. Si tratta della terza marcia non competitiva aperta a donne e uomini di ogni età che desiderano dire NO ai femminicidi. “Perché la violenza contro le donne – dicono le organizzatrici – non è inevitabile; si deve e si può fermare”.

Appuntamento il 18 settembre, alle ore 9,30 in Villa Marazzi, via Dante 47 a Cesano Boscone, per marciare al fianco delle donne del Circolo e con Alessandra Kusterman, fondatrice di SVS eD il primo Centro di assistenza per i problemi di violenza alle donne e ai minori della Clinica Mangiagalli di Milano. 

L’obiettivo è far crescere una cultura di rispetto verso le donne e verso ogni essere umano. Ma c’è anche una causa concreta. Il ricavato dell’iniziativa, infatti, contribuirà a finanziare il nuovo progetto Sportello ascolto donna, un luogo di ascolto, sostegno e orientamento verso quei servizi che possono aiutare le donne ad uscire dalle condizioni di violenza fisica, psicologica ed economica.

PER SAPERNE DI PIU’

18 settembre, alle ore 9,30 in Villa Marazzi, via Dante 47. Cesano Boscone

La marcia prevede due livelli di percorso: 10 Km per esperti; 4 Km per dilettanti. 

Iscrizioni e ritiro pettorine dalle ore 8 alle or 9,15.

La quota di partecipazione è di 5 euro. Gratis fino a 10 anni.

Per info: mob. 347 2929598; email: sibillacircolo@yahoo.it

Questo articolo fa parte dell'archivio di Ticino Notizie e potrebbe risultare obsoleto.

■ Prima Pagina di Oggi