Cerro Maggiore/Rescaldina. La sentenza sull’ex discarica dà ragione ai Comuni

289

CERRO MAGGIORE –  La sentenza ha sorriso ai comuni.  Pronunciandosi sul ricorso inoltrato dalla società Ecoceresc ex Simec contro Cerro Maggiore e Rescaldina per l’ormai annosa vicenda della discarica del polo Baraggia al confine tra i due territori, il tribunale di Busto Arsizio ha dato ragione a questi ultimi.

 

“Con soddisfazione- dichiarano in una nota congiunta i sindaci di Cerro Maggiore Giuseppina Berra e Rescaldina Gilles Ielo – leggiamo nella sentenza una vittoria totale dei nostri comuni  nel merito e nelle spese. Tutte le richieste di Ecoceresc sono state completamente respinte”. 
Ecoceresc aveva presentato un’istanza in cui chiedeva alle due municipalità un rimborso di 2.433.000 Euro “per una serie di motivazioni – dicono i due primi cittadini – che andavano dalla condotta delle due amministrazioni sino alla richiesta danni per le perdite di bilancio avute negli anni”.  La spiegazione dei fatti che è stata fornita dal giudice lo ha indotto a emettere una sentenza favorevole ai due comuni.
“Le amministrazioni di Cerro Maggiore e Rescaldina hanno posizioni politiche differenti – concludono Berra e Ielo – ma sanno andare oltre il colore politico quando si tratta di salvaguardare e difendere il territorio, siamo stati eletti per tutelare gli interessi delle nostre comunità e questo vogliamo continuare a fare”.
Giuseppina Berra, Sindaco di Cerro Maggiore
I due sindaci ringraziano “il professor Ferrari e tutto il suo studio per il supporto legale fornito”. E si dicono convinti che il pronunciamento del tribunale di Busto Arsizio abbia dato il via a una “fase nuova da cui si può ripartire, sempre che si colga appieno la svolta di quest’importante sentenza , noi siamo fiduciosi”.
     Cristiano Comelli    

Articolo precedenteBoffalora Ticino, la pioggia non ferma i runner alla Bufalora volt e bas: commuovente ricordo per Valentina, l’anno scorso fu l’ultima sua corsa (VIDEO)
Articolo successivoParabiago: il Sindaco Raffaele Cucchi approva la mozione di Franco Brumana sul fiume Olona per chiarire la moria di pesci