NewsTerritorio

Centro Kennedy: il ritorno de ‘I Quaderni del Ticino’

Nel nuovo numero della rivista anche un commosso ricordo di Monsignor Giuseppe Locatelli

MAGENTA – È in distribuzione il nuovo numero de “i Quaderni del Ticino”, il 74. Un’uscita particolare perché allegata alla rivista troverete la stampa degli atti ufficiali dei due importanti Convegni organizzati dal Centro Kennedy alla fine del 2016, quello sulla “Sanità nel territorio dell’Est-Ticino” e quello di inizio 2017 sulla presentazione della  sintesi della Ricerca “La difesa dell’ambiente e il riordino dei livelli istituzionali e dei Corpi Tecnici Territoriali” (in vendita nelle migliori librerie) realizzata in collaborazione con l’Università Cattolica di Milano, l’Università di Bergamo e il WWF Lombardia con il contributo di Fondazione CARIPLO. Due momenti importanti che, soprattutto per il secondo appuntamento, hanno impegnato pesantemente il Centro per alcuni anni.

Come sempre però la rivista vuole dare un contributo sui temi legati al territorio e alla Politica, quella con la “P” maiuscola. Preceduti da un intervento dell’avvocato Alberto Fossati, ex Sindaco di Abbiategrasso, su una “Nuova epoca della Politica”,  seguono due articoli dedicati all’approfondimento di un tema già trattato nei numeri scorsi, la Città Metropolitana, con due interventi. Il primo del professor Enrico Maria Tacchi, direttore di ULTRA, un gruppo di lavoro del Dipartimento di Sociologia dell’Università Cattolica del Sacro Cuore, che da tempo studiano quanto sta avvenendo (purtroppo solo sulla carta), il secondo dell’architetto Arturo Beltrami sul ruolo che dovrebbe ricoprire l’Est-Ticino nel futuro della Città Metropolitana.

Doveroso un ricordo, dopo quello dedicato a Carlo Donat-Cattin sul numero 73, al Senatore Vittorino Colombo, anche lui figura di spicco del Cattolicesimo Sociale e della sinistra dell’allora Democrazia Cristiana. Del Centro Studi Marcora di Inveruno troverete un interessante contributo che richiama l’importanza   e l’attualità della Legge n.49 del 1985 firmata dall’allora Ministro per l’Industria Giovanni “Albertino” Marcora sulla Cooperazione che ha contribuito a salvare da parte dei lavoratori le loro imprese in crisi.

La storia e le tradizioni del nostro territorio rivivono invece in due servizi: il primo firmato dallo storico abbiatense Mario Comincini dedicato al Palazzo Marino di Ozzero, ormai abbandonato, ma di proprietà dei nobili banchieri genovesi del Palazzo Marino più famoso, quello che si affaccia di fronte al Teatro La Scala e oggi sede del Comune di Milano. Il secondo, firmato dall’appassionato ricercatore boffalorese Ermanno Tunesi, su una misteriosa “Confetteria” (ossia Conceria) attiva in via Giulini della quale si sono trovate evidenti tracce mentre fantasiosa ma altrettanto intrigante è l’ipotesi dell’esistenza di un favoloso orologio astronomico sulla torretta dell’abitazione stessa.

Ad Abbiategrasso sono dedicati altri due articoli: il primo sulla Cascina Fraschina, nella campagna verso il Ticino, un esempio di agricoltura moderna ed ecosostenibile. Il secondo alle Fiere della città, dalla prima antichissima di San Pietro risalente al XV secolo alla più recente e di grande richiamo “Abbiategusto”. Molti se ne sono dimenticati ma il 22 dicembre 2017 ricorreva il 70° anniversario dell’approvazione da parte dell’Assemblea Costituente della nostra Carta Costituzionale. Un documento decisivo e fondamentale per un Paese che usciva distrutto dalla guerra ma che guardava al futuro gettando le basi di una società libera, democratica, attenta ai bisogni dei cittadini: lavoro, casa, salute, istruzione, libertà di espressione. Valori che oggi più che mai sono attuali ma anche spesso calpestati. Oggi la politica sempre più è diventata un gioco mediatico, uno scontro per accaparrarsi  voti e quindi  poltrone. Dove sono finiti gli slanci ideali dei nostri padri (e anche madri) costituenti? Forse bisognerebbe fermarsi un attimo e riflettere di più, abbandonare i personalismi e gli interessi di parte che rischiano di compromettere la ripresa del nostro grande Paese. Riscoprire la Politica come vocazione, servizio verso gli altri.

Non poteva poi mancare su questo numero un commosso e sincero ricordo di Mons. Giuseppe Locatelli, scomparso lo scorso mese di ottobre. “Un grande uomo, un grande sacerdote” abbiamo intitolato l’articolo. E vi invitiamo a rileggere la sua omelia nella quale  mette al centro l’importanza  dell’impegno politico e sociale dei cattolici.

La rivista è in vendita al costo di 6,00 euro nelle librerie di Magenta La Memoria del Mondo, Galleria dei Portici 5 e Il Segnalibro, via Roma 87 oltre che presso la Sede del Centro Studi Kennedy, in Vicolo Colombo 4, Magenta, tel. 029792234.

(nella foto sopra il Senatore Ambrogio Colombo, presidente del Centro Studi Kennedy)

Tag
Vedi Altro

Redazione

Redazione Ticino Notizie

Potrebbe Interessarti

Facebook Auto Publish Powered By : XYZScripts.com
Close

Utilizzando il sito, accetti l'utilizzo dei cookie da parte nostra. maggiori informazioni

Questo sito utilizza i cookie per fonire la migliore esperienza di navigazione possibile. Continuando a utilizzare questo sito senza modificare le impostazioni dei cookie o clicchi su "Accetta" permetti al loro utilizzo.

Chiudi