Cecchetti: “La Lombardia ha una crescita di nuove imprese superiore alla fase pre Covid”

131
Roma, 19 ott. (TMNews) - In Italia la partecipazione femminile al mercato del lavoro rimane tra le più basse d'Europa: quasi una donna su due è inattiva. Il tasso di inattività delle donne nel nostro Paese è, infatti, del 48,5%, a fronte della media Ue del 35,1%. Peggio di noi fa soltanto Malta con un tasso del 55,9%. Il dato emerge dall`Osservatorio sull`imprenditoria femminile curato dall`Ufficio studi di Confartigianato e presentato alla 14° Convention di Donne Impresa Confartigianato organizzata oggi a Roma. Per l`occupazione femminile le cose peggiorano, e di molto, nelle regioni del Mezzogiorno dove, in media, lavora una donna su quattro: la Campania fa registrare il record per il più basso tasso di occupazione femminile, 20,4%, uguale a quello del Pakistan e di poco superiore a quello del Libano, dello Yemen e della Mauritania. Seguono la Sicilia, con un tasso di occupazione femminile del 22,1%, la Puglia (22,7%), la Calabria con il 23,3%. Sul versante opposto della classifica è la Provincia Autonoma di Bolzano, il territorio italiano con il tasso di occupazione femminile più alto, pari al 63%, al secondo posto l`Emilia-Romagna con il 60,9% e terza nella classifica delle regioni più virtuose la Valle d`Aosta con il 60,8%. A livello provinciale la maglia nera va a Napoli, dove il tasso di inattività delle donne è del 72%. Seguono Caserta con il 70,7% e Foggia (70,4%). Ravenna, invece, conquista il primato positivo della provincia con la più bassa percentuale di donne inattive: 30,8%. Seguono Bologna con il 32,1% e Ferrara con il 33,1%. A tenere distanti le donne dal mondo del lavoro vi è soprattutto il basso investimento in quei servizi di welfare che dovrebbero favorire la conciliazione tra attività professionali e cura della famiglia. Anche in questo caso il nostro Paese è nelle posizioni peggiori della classifica europea. Secondo l`Ufficio studi di Confartigianato, la spesa pubblica per la famiglia è stata nel 2011 pari a 20,7 miliardi, pari al 4,6% dei 449,9 miliardi di spesa totale per la protezione sociale. Nel periodo 2007-2011 la spesa per la famiglia è la componente delle prestazioni di welfare che è cresciuta meno: l`incremento è stato di 1,3 miliardi, pari al + 6,9%, vale a dire la metà rispetto all`aumento della spesa complessiva per il welfare in Italia. Pur in un contesto così problematico per il lavoro femminile, l`Italia mantiene però la leadership in Europa per il maggior numero di imprenditrici e lavoratrici autonome: 1.565.400, pari al 16,4 delle donne occupate nel nostro Paese, rispetto alla media europea del 10,3%. In particolare le imprenditrici artigiane sono 367.895. http://www.donneimpresa.confartigianato.it/

 “Un grazie alla lungimiranza della Regione Lombardia ed ai suoi interventi ad hoc”

 

LOMBARDIA  “La Lombardia ha chiuso il 2021, secondo i dati delle anagrafi camerali fatta da Unioncamere, con un numero di imprese attive pari a 814.756, con una crescita su base annua del +0,5% che consente di recuperare i livelli del 2019. Se in Lombardia le attività produttive sono tornate a crescere come prima della pandemia lo si deve anche al grande lavoro della Regione Lombardia che, su iniziativa dell’assessore allo Sviluppo economico, Guido Guidesi, ha varato una serie di misure ad hoc strategiche per le imprese lombarde. I dati economici dimostrano che la Lombardia è tornata ai livelli pre-covid ed è tornata ad essere la locomotiva economica del Paese. Si tratta di un risultato importante ottenuto grazie all’ingegno e alla determinazione degli imprenditori lombardi e agli sforzi messi in campo da Regione Lombardia.”

 

Lo dichiara l’on. Fabrizio Cecchetti, vice capogruppo della Lega alla Camera dei Deputati e coordinatore della Lega Lombarda per Salvini Premier.

Articolo precedenteIl Mercato Contadino arriva a Canegrate domenica 6 febbraio
Articolo successivoAmaga e Sasom. . . fanno la differenza insieme. Al via il secondo ciclo di webinar di approfondimento online.