CronacaNews

Cecchetti: “Dati allarmanti della DIA sulle infiltrazioni mafiose in Lombardia”. Il Consiglio approva all’unanimità l’istituzione di una Commissione Speciale

“Crescita esponenziale della malavita organizzata sia ‘endogena’, sia ‘esogena’ che ci deve far riflettere. I dati della direzione investigativa antimafia  sulle infiltrazioni in Lombardia debbono farci preoccupare”. E’ quanto ha dichiarato Fabrizio Cecchetti (LN), vice presidente del Consiglio lombardo nella presentazione della costituzione della Commissione speciale antimafia. “In Lombardia nel 2011 sono state confiscate 205 imprese. E’ un dato elevatissimo, ciò significa che la presenza è ormai forte e radicata”. Cecchetti ha poi sostenuto che la Commissione da speciale dovrebbe passare a permanente dopo una prima fase di lavoro.  Giulio Gallera PdL ha posto questa riflessione all’attenzione dell’assemblea regionale: “In questi ultimi anni è emersa in modo capillare la presenza delle organizzazioni mafiose in Lombardia. Questo è senza dubbio un problema serio poichè sono emerse collusioni con alcuni esponenti istituzionali. La lotta alla mafia dev’essere fatta senza se e senza ma. Occorre un’ampia opera di sensibilizzazione che deve essere fatta a tutti i livelli partendo dai Consigli comunali. E’ fuor di dubbio – ha aggiunto Gallera – che la Commissione occorre che faccia cose concrete. Non si deve tradire le attese, a livello di Comune di Milano, malgrado le premesse roboanti non si è fatto granchè”.

“Penso invece che a livello regionale – ha proseguito il consigliere del Pdl – la commissione possa fare parecchio. Pensiamo delle gare al massimo ribasso, un problema serio perchè talvolta, così facendo, gli imprenditori per sopravvivere debbono scendere a patti con organizzazioni malavitose. Molto si potrà fare sulla tracciabilità dei finanziamenti”.

“Dobbiamo andare oltre i convegni e i semplici pronunciamenti. La mafia ormai si è fatta furba, è quella dei colletti bianchi, non è certo quella con la coppola. Se coglieremo questa sfida – ha commentato Gallera – allora la Commissione potrà davvero funzionare al meglio”.

“E’ una novità importante” ha osservato Carlo Borghetti (PD). “Dopo molta resistenza nella scorsa Legislatura è maturata una diversa consapevolezza in tal senso. Non è un caso che nell’ultima Legislatura abbiamo approvato due leggi in materia di educazione alla legalità. Si è iniziato a parlare di una percezione della legalità. Accanto a ciò è fondamentale è l’opera di contrasto. Ed è qui che s’innesta l’opera della Commissione. Guai a noi se la Commissione si riducesse ad una semplice marchetta”. “E’ necessaria la più ampia alleanza possibile nella lotta contro tutte le mafie”.  La delibera per la costituzione della Commissione Antimafia è passata all’unanimità.

TN

Related Articles

Back to top button

Utilizzando il sito, accetti l'utilizzo dei cookie da parte nostra. maggiori informazioni

Questo sito utilizza i cookie per fonire la migliore esperienza di navigazione possibile. Continuando a utilizzare questo sito senza modificare le impostazioni dei cookie o clicchi su "Accetta" permetti al loro utilizzo.

Chiudi