Castelletto di Cuggiono: rarissimi e costosissimi porcini neri vicino al Ticino trovati da Andrea e Alessandro

3580

CASTELLETTO DI CUGGIONO –  Andare a funghi e imbattersi in due pregiatissimi, nonché rarissimi esemplari di Boletus Aereus, meglio noti con il nome di porcino nero. L’altra mattina Andrea e Alessandro, due amici esperti ‘fungiat, stavano battendo la zona di Castelletto di Cuggiono quando si sono trovati di fronte ad un autentico tesoro.

“In molti mi hanno chiesto dove li avessi trovati – commenta ridendo Andrea – io rispondo ‘sulla luna’, in maniera ironica s’intende”. Andrea è un battitore molto esperto e conosce ogni centimetro dei boschi del Parco del Ticino, vivendo in riva al fiume. Non è nuovo ai ritrovamenti degni di nota: “Il mio primo ‘Big’ del Ticino pesava un chilo e mezzo ed era un Boletus Edulis, il classico porcino. La soddisfazione, in questi casi, è enorme. Dispiace quasi doverli mangiare. Mentre ero di ritorno verso casa molti avventori sbirciavano nel mio cesto ben fornito e qualche signora mi chiedeva se ero disposto a venderli. Io rispondevano che questi porcini valgono tanto oro quanto pesano e sono considerati, dagli anziani del posto, come i migliori porcini in assoluto”.

Naturalmente due esperti di funghi come Andrea e Alessandro consigliano molta prudenza agli escursionisti della domenica. In caso di dubbi avvalersi sempre della supervisione di esperti. La presenza di specie velenose potrebbe trarre in inganno.

Articolo precedenteMilano: ‘Da grande faro’ il pompiere’, una giornata memorabile insieme alle famiglie
Articolo successivoCaro Bollette, il Movimento in difesa del cittadino: “Il nuovo governo sospenda subito i distacchi per morosità”