Castano Primo: lancia rifiuti dall’auto, rintracciato l’autore del gesto

130

CASTANO PRIMO – La vicenda risale a qualche mese fa, quando un cittadino dai lineamenti asiatici a bordo di una grossa berlina scura, aveva lanciato diversi sacchi di spazzatura nell’area verde  a margine della via  fratelli Cervi nei pressi dell’ecocentro comunale.

La scena era stata però ripresa dall’occhio elettronico delle telecamere di sicurezza gestite dal Comando di Piazza Mazzini, che lo riprendevano mentre gettava 4 sacchi contenenti  rifiuti indifferenziati e non pericolosi.

Da qui un’accurata ricerca ha portato all’individuazione dell’uomo risultato essere di nazionalità cinese a cui gli agenti castanesi hanno a conclusione dell’attività d’indagine contestato la violazione per l’abbandono di rifiuti  di euro 150,00.

L’approfondimento faceva evincere una fittizia residenza in Castano con una irreperibilità all’indirizzo, così da farne chiedere da parte degli agenti di Polizia locale la cancellazione dall’anagrafe comunale. Dagli ulteriori accertamenti emergeva che lo stesso con un sfilza di procedimenti in atto per varie violazioni sul territorio castanese, oltre ad essere privo di patente di guida aveva utilizzato per l’incivile gesto un veicolo intestato al fratello anch’esso irreperibile in Italia ed il cui ultimo indirizzo coincideva con quello in Castano primo del parente prossimo.

Cooperazione tra Castano Primo e Robecchetto con Induno

Le ricerche del soggetto venivano così allargate anche ai comuni limitrofi e dopo uno scambio informativo il cittadino cinese veniva colto nel territorio comunale di Robecchetto con Induno dalla Polizia Locale che provvedeva a denunciarlo in quanto alla guida senza patente, ritiratagli già nel 2015 e con recidiva nel 2017. Il veicolo veniva sequestrato ai fini della confisca e dai controlli emergeva altresì la mancanza della copertura assicurativa RCA e di varie visite di revisione periodiche. Si procedeva a sanzionarlo ai sensi del Codice della Strada per un totale di 1187,00 euro.

Articolo precedenteDesiderio, di Emanuele Torreggiani
Articolo successivoBusto Garolfo: il rilancio del parco ‘Falcone e Borsellino’