Castano Primo: la preside Merola va in pensione. Il saluto commosso dell’Istituto ‘Torno’

178

CASTANO PRIMO – Grande commozione ieri pomeriggio al “Torno” di Castano, dove, in coda al suo ultimo collegio dei docenti, la Dirigente scolastica, Dottoressa Maria Merola,  ha pronunciato il suo discorso di commiato. Parlando a braccio, con naturalezza e spontaneità,  la Preside ha espresso profondi sentimenti di stima, apprezzamento e gratitudine  ai suoi più stretti collaboratori e all’intero personale dell’Istituto, ringraziando tutti per la professionalità, la dedizione, la carica motivazionale e la vivacità progettuale e  per aver condiviso l’indirizzo organizzativo e gestionale da lei impresso, consentendole di condurre felicemente la nave in porto, pronta però a ripartire, a riprendere il largo  con sicurezza verso nuove e inesplorate mete.

 

Ha ricordato il momento del suo arrivo, sei anni or sono, l’accoglienza cordiale e collaborativa riservatale dallo staff della vicepresidenza e, in particolare, dai Professori Donatella Barbieri, Piero Garavaglia e Graziano Barera,  affermando di essersi trovata particolarmente a proprio agio in questa “grande famiglia”, soprattutto per aver incontrato tante persone culturalmente vivaci e intraprendenti, pronte ad investire tempo e risorse  pur di rendere il “Torno” quello che è oggi: non solo una Scuola sempre più credibile, attenta alle esigenze e alle attese degli studenti che la frequentano, caratterizzata dall’alto livello di apprendimento che è loro in grado di offrire, ma anche come un’autentica fucina culturale, una realtà positiva e stimolante sul territorio. <<Non perdete mai – ha detto la Preside, rivolta agli insegnanti – quella passione, quella vivacità intellettuale che contraddistingue il “Torno” e che lo rende un luogo davvero speciale>>.

Insieme alla Dottoressa Merola, varcano la soglia della pensione tre delle docenti “storiche” dell’Istituto, le Professoresse Alessandra Aretti, Anna Fornara e Rita Langè. Punti di riferimento, vere colonne portanti,  tutte e tre in modi diversi e con il loro inconfondibile stile hanno impresso orme profonde nel loro lungo iter professionale, legando al proprio nome molti dei progetti e delle attività che oggi rientrano fra i punti qualificanti dell’offerta formativa dell’istituzione scolastica castanese. Un abbraccio affettuoso viene riservato anche alla Professoressa  Rossella Bossi che, pur nei pochi anni della sua permanenza a Castano Primo, ha saputo caratterizzarsi per la sua potente carica ed energia.

Alla Preside e alle quattro insegnanti  vanno la stima, la riconoscenza e l’affetto dei colleghi e del personale non docente. A loro spetterà il non facile compito di raccogliere il testimone di queste grandi donne, facendo tesoro del loro apporto e impegnandosi al massimo affinchè non vada disperso.

Articolo precedenteTovaglieri (Lega), da Ue colpo mortale ad automotive europeo. Con complicità di Bruxelles e sinistre vince la lobby cinese
Articolo successivoCoordinamento ‘Salviamo il Ticino’: domenica mattina a Cuggiono l’assemblea