Castano, arriva una mostra sulla Comune di Parigi all’IIS Torno

221

 

CASTANO PRIMO Il “Torno” di Castano Primo sarà il primo istituto scolastico della Lombardia ad ospitare la Mostra sulla Comune di Parigi realizzata dalla Association des Amies de la Commune de Paris in occasione dei 150 anni dall’insurrezione (1871-2021) e riprodotta fedelmente, per il pubblico italiano, dal Centro “Filippo Buonarroti” di Milano.

In 23 pannelli roll up, interamente redatti in lingua originale e corredati da un nutrito ed interessantissimo repertorio di immagini, sono documentate l’evoluzione complessiva e le singole fasi di questo primo grande, ancorchè fugace e tormentato,  esperimento di democrazia diretta della storia contemporanea.

La Comune di Parigi è un po’ la madre di tutte le rivoluzioni del ‘900, eppure si fa ancora fatica a parlarne, specie nelle aule scolastiche. Quando non la si ignora (è indubbio che costituisca, pur a un secolo e mezzo di distanza, un argomento spinoso, complesso da trattare nelle sue motivazioni e nelle sue implicazioni politiche), si tende ad offrirne una narrazione mitizzata e dunque superficiale. Difficilmente ci si sofferma sul senso autentico dell’esperienza, che, al di là della breve durata (71 giorni) e del tragico epilogo, ha rappresentato il tentativo da parte di un popolo di dar forma al sogno, provando a cambiare le regole stesse della politica. La Comune di Parigi, infatti, ha significato prima di tutto il rifiuto di delegare ad altri il proprio destino, assumendo su di sé l’onere e la responsabilità di legiferare, di compiere delle scelte, di immaginare un mondo nuovo, più libero e più giusto, ove fossero garantiti i diritti di tutti,  l’uguaglianza fra i cittadini e le pari opportunità fra i sessi.

Particolarmente degni di nota gli ultimi cinque pannelli della serie, dedicati al ruolo svolto dalle donne che, a migliaia, si impegnarono nella Comune, determinate a metter fine al loro sfruttamento e all’inferiorità della loro condizione, anche a costo della vita.

La mostra, allestita nell’aula magna del “Torno”, potrà essere visitata, su prenotazione, dal 26 settembre al 1° ottobre, in orario mattutino (dalle ore 8 alle ore 12).

L’inaugurazione avrà luogo lunedì 26 settembre alle ore 10 con un intervento introduttivo a cura del Prof. Antonio Barberini, Responsabiile del Dipartimento di Storia del Centro “Buonarroti”. Presente anche la Professoressa Laura Fusaro, docente di Italiano e Storia dell’Istituto.

Disponibile per i visitatori un catalogo della mostra con la riproduzione dei singoli pannelli e la traduzione dal francese dei testi.

Laura Fusaro

Articolo precedenteCassinetta, i dissidenti anti Finiguerra chiedono la convocazione di un Consiglio comunale entro 20 giorni
Articolo successivo+Meteo.it: torna (per poco) caldo africano, poi si ‘corre’ in autunno