Cassinetta, niente più cerimonie in villa Negri: a Ferragosto ultimo pranzo con la Terza Età

    116

     

    CASSINETTA – Niente più cerimonie o matrimoni nello splendido scenario di villa Negri, una delle perle architettoniche lungo l’asta del Naviglio, nel cuore di Cassinetta.

    Tra le ville di delizia più affascinanti del tratto Robecco-Cassinetta, la villa è stata venduta ad un privato che, ovviamente in modo del tutto legittimo, la userà come propria residenza senza affittarla come location. Ci hanno lavorato parecchi ristoratori, compreso Ezio Santin, e vi si sono svolti numerosi eventi benefici.

    Per chi volesse, l’ultima opportunità per poter pranzare tra le sue antiche mura sarà a Ferragosto, quando l’associazione Terza Età di Cassinetta organizza il pranzo della festa al modico prezzo di 25 euro.

    Attualmente denominata I Platani, villa Negri fa parte delle famose case da nobili
    edificate lungo il Naviglio Grande dai proprietari terrieri milanesi del 500.
    I primi documenti della proprietà risalgono all’ inizio del XVI secolo.
    Nella prima metà del settecento la casa viene completata, prendendo la definitiva forma a U che ora la contraddistingue e che ne fa un piccolo gioiello di architettura Milanese.

     

    Nel 1821 la proprietà passa al generale austriaco Giovanni Dembowski
    che a sua volta la vende, nel 1846 a Gaetano Negri, nonno dell’omonimo Negri,
    Senatore del Regno d’ Italia e sindaco di Milano dal 1884 al 1889,
    a cui è dedicata la piazza di Cassinetta di Lugagnano, dove sorge il Municipio.

    Dopo il pranzo di Ferragosto, insomma, la villa chiuderà le porte al pubblico. Vale la pena di approfittarsene, insomma.

     

    Articolo precedenteMagenta, novena di san Rocco: partenza boom, a breve via ai restauri
    Articolo successivoEstate 2019, Coldiretti: cibo di strada per il 70% degli italiani, piadina batte kebab (per fortuna)