NewsTerritorio

Cassinetta, la Bertani replica a Bona: ‘Non siamo né last minute né cementificatori’

Botta e risposta tra il candidato di Per Cassinetta e l’ex presidente del Parco Ticino, che porta a sostegno della sua tesi i dati di Legambiente

CASSINETTA DI LUGAGNANO – La lista Bertani, una lista last minute, palesemente messa in piedi per ordine superiore da quei partiti che dalla Regione Lombardia in giù tentano di fare il buono ed il cattivo tempo nel nostro territorio, è dichiaratamente una lista che vede l’asse Lega-Fdi oltre a qualche strana iniezione di PD abbiattense ricomporsi nel tentativo evidente di cercare di eliminare una delle ultime roccaforti contro la cementificazione. Una lista che nulla ha a che vedere con l’interesse dei cassinettesi, una lista formata da quei politici che da vent’anni sono fuori dall’amministrazione di Cassinetta che proprio grazie a questo si è trasformata ed è diventata un esempio di buona amministrazione, non solo per il nostro territorio, ma per l’Italia intera. 

In vent’anni Cassinetta è riuscita a difendere il territorio dalla cementificazione che ha invece invaso molti comuni che la circondano. Tutto questo è successo, appunto, da quando la politica delle conoscenze e delle amicizie è stata sostituita dal senso civico e di appartenenza.

Di tutto questo la Lista Bertani, ed i partiti che la appoggiano, vorrebbe fare tabula rasa sotto una colata di asfalto e cemento e  la sua posizione favorevole al progetto dell’ inutile e dannosa tangenziale ne è un primo esempio.

Contro i tentativi della più vecchia e peggior politica, la lista Civica “Per Cassinetta“ chiederà ai cassinettesi di confermarle la fiducia che in questi anni ha portato il nostro comune ad essere esempio di buona amministrazione, dall’attenzione al sociale al rilancio del turismo, dalla salvaguardia del nostro bel territorio ad una gestione virtuosa, sana e trasparente del proprio bilancio.

Michele Bona

Lista Civica “Per Cassinetta”

 

Il candidato Sindaco Michele Bona sa perfettamente chi sono e quali sono i miei principi:  nell’estate 2014 lui era con me e con altri amici, tra i quali Marco Cappato, Roberto Biscardini, Fiorello Cortiana,  a dar vita ad una lista civica per le elezioni in Città Metropolitana. Oggi come allora abbiamo tutti aderito ad un programma, senza chiedere a nessuno se e quale tessera di partito avesse in tasca. Se il mio programma per Cassinetta ha raccolto numerose e interessanti adesioni di persone che per la prima volta si affacciano alla vita amministrativa, oppure hanno già avuto una storia politica, non vedo  alcuna differenza rispetto a ciò che con Michele Bona abbiamo fatto due anni fa. Il metodo utilizzato è identico.

bertanimil

La lista “Cassinetta di Lugagnano – Sfida per il futuro” non cementificherà proprio nulla. Conosco il valore del territorio e i suoi aspetti ambientali. Voglio ricordare che, durante la mia presidenza al Parco, proprio la capacità di interpretare questi valori ha indotto Unesco a ritenere la Valle del Ticino tra i primi dieci siti al mondo degli oltre seicento inseriti nella rete delle Riserve della Biosfera.

Sulla Strada voglio che sia chiaro a tutti che ho detto no al tracciato nel Parco del Ticino per motivi che mi sono ben noti ancora oggi. Non conosco il nuovo progetto consegnato solo pochi mesi fa: da quello che leggo sulla stampa capisco solo che il nuovo percorso sfiora l’area più pregiata del Parco. Ai “non cementificatori” chiedo: va bene una strada non in casa nostra, anche se uccide il Parco? O proviamo a fare scelte di tutela vere?

Sempre ai “non cementificatori” ricordo che i dati di Legambiente sul consumo di suolo dicono che a Cassinetta, dal 1999 ad oggi, le aree produttive e residenziali sono notevolmente aumentate: è stato occupato suolo per una superficie pari a 17 campi di calcio, grandi come quello di San Siro. Le aziende agricole, secondo l’ultimo censimento, sono diminuite del 33,3% con una riduzione dell’area coltivabile del 18%. Si sono persi quasi 70 ettari coltivabili, una enormità.

cassinettabertani

 

La lista è last minute, semplicemente perché il Sindaco Accinasio si è dimessa a febbraio, interrompendo il suo mandato amministrativo in modo anticipato. Quando c’è armonia e condivisione di programmi si fa squadra, anche nei momenti di difficoltà personali. Evidentemente non era così tra chi ha governato Cassinetta in questi cinque anni. La mia scelta per Cassinetta non sarebbe cambiata neppure tra un anno. Perché è una scelta convinta. L’unica differenza rispetto ad oggi è solo il tempo: avrei utilizzato questo lungo periodo per far capire alle persone che ci sono comuni piccoli che hanno maggiori servizi per le persone rispetto a quelli che ho visto qui. Avrei chiesto più attenzione per tutti, per aiutarli a vivere meglio.

Capisco il nervosismo di chi pensava di avere vittoria facile non avendo avversari, ma il confronto in politica è sempre importante. E’ il sale della democrazia. Vorrei in futuro misurarmi su programmi e proposte per i cassinettesi, non solo sulle belle frasi fatte prive di contenuto di valore.

Milena Bertani

Lista Civica “Cassinetta di Lugagnano – Sfida per il futuro”

Tag
Vedi Altro

Redazione

Redazione Ticino Notizie

Potrebbe Interessarti

WP Facebook Auto Publish Powered By : XYZScripts.com
Close

Utilizzando il sito, accetti l'utilizzo dei cookie da parte nostra. maggiori informazioni

Questo sito utilizza i cookie per fonire la migliore esperienza di navigazione possibile. Continuando a utilizzare questo sito senza modificare le impostazioni dei cookie o clicchi su "Accetta" permetti al loro utilizzo.

Chiudi