Cassinetta e Abbiatense: donati 41mila euro ai terremotati di Accumoli

    45

    Riceviamo e volentieri pubblichiamo

    CASSINETTA DI LUGAGNANO – Quasi un anno fa, esattamente il 14 maggio 2017, il Comune di Cassinetta, insieme al supporto di tutti i volontari delle Associazioni locali e i proprietari delle Ville di Delizia, con l’evento “Cassinetta helping hands, Cassinetta museo a cielo aperto per i terremotati”, raccoglieva 3.400 euro da destinare ai territori colpiti dal terremoto dell’agosto 2016.

    Nel dettaglio si è deciso di aderire al progetto a favore del Comune di Accumoli, “Centro di
    Eccellenza e formazione per gli Studi Ecosistemici e l’Economia Circolare (C.E.S.E.E.C.)”,
    denominato “Parco della Conoscenza”, promosso dall’Università degli Studi della Tuscia.
    Il progetto vede coinvolti circa 30 comuni della Zona Omogenea Magentino e Abbiatense.

    Il comune di Albairate, come capofila, ha versato al Comune di Accumoli la somma finora
    raccolta, 41.832,38 euro, a cui per ora hanno contribuito: Albairate, Arluno, Bareggio,
    Besate, Binasco, Cassinetta di Lugagnano, Cusago, Mesero, Motto Visconti, Ozzero,
    Robecco sul Naviglio, Sedriano e Vermezzo. Altri comuni devono ancora versare il proprio contributo. La raccolta fondi continuerà fino a fine settembre 2018.

    Il “Parco della Conoscenza” sarà un vero e proprio polo universitario con un corso di laurea
    in “Valorizzazione e Tutela dell’Ambiente e del Territorio Montano”, capace di attrarre le
    nuove generazioni e diventare punto di riferimento per il bacino Euro-Mediterraneo in tema di
    politiche di sviluppo del territorio montano.

    Dal punto di vista architettonico il polo avrà sede in un complesso edilizio dotato di aule,
    laboratori didattici, lavoratori scientifici, biblioteche, spazio studenti, alloggi, studi, uffici e locali
    di servizio. Le caratteristiche architettoniche e costruttive dell’immobile saranno tali da
    garantire, oltre al rispetto delle normative antisismiche e il minore impatto ambientale
    possibile.

    L’Università della Tuscia ha divulgato un dossier sul progetto con la specifica stima dei costi, di
    cui riportiamo un mero riassunto informativo:
    INFRASTRUTTURE 3.570.000 euro
    PERSONALE 581.000 euro
    GESTIONE 320.000 euro
    TOTALE 4.471.100 euro

     

     

     

     

     

     

     

     

     

    Con l’occasione l’Amministrazione comunale di Cassinetta ringrazia ancora una volta la ProLoco Cassinetta di Lugagnano, Gli amici della solidarietà, il G.V.C., l’Oratorio San Carlo di Cassinetta di Lugagnano, la Croce Azzurra, gli Amici della Terza Età, L’Aia Agriturismo, il Distretto Rurale Riso e Rane, gli Assistenti Turistici della ProLoco, il Corpo Musicale San Carlo, la Big Band, l’associazione We Fair, lo chef Salvatore Garofalo, i proprietari delle Ville coinvolte – Villa Gerli, Villa Krentzlin, Villa Pambieri, Villa Frotta Eusebio, Villa Trivulzio Belgioioso, Villa Birago Clari Monzini e Villa Negri – le Guardie Ambientali e la Polizia Locale.

    Grazie infine a chi ha deciso di sostenere l’iniziativa: il Parco Lombardo della Valle del Ticino, il
    Consorzio dei Comuni dei Navigli, I Borghi Più Belli D’Italia, Cap Holding, l’associazione Comuni
    Virtuosi, il Dott. Klutzer che ha offerto il caffè e a Chicco per averci fornito il pane.
    Grazie a Cassinetta ed ai Cassinettesi!

    Michel Bona, sindaco di Cassinetta

    Michele Bona
    Articolo precedenteMatteo Renzi come Magico Gonzales
    Articolo successivo‘Siamo così’: Corbetta celebra la donna con due eventi