Casorezzo: oltre 220 mila euro per il Diritto allo Studio

    73
    CASOREZZO  – L’importo stanziato è di tutta consistenza: 223.326,80 EuroL’amministrazione comunale di Casorezzo retta dal sindaco Pierluca Oldani ha messo in campo il “Piano per il diritto allo studio” e lo fa “allo scopo – si legge nella relazione al documento – di rendere fattibili gli obiettivi educativi delle singole realtà scolastiche locali che si realizzeranno nell’anno scolastico  2020-21”. Un documento che ha dovuto tenere conto, di necessità, delle problematiche innescate dalla diffusione del Covid-19. Il documento annovera più voci. Per la scuola dell’infanzia parrocchiale sono stati stanziati 34.909 Euro che andranno a finanziare integrazioni per le rette dei nuclei familiari indigenti ( 5 mila), assistenza agli alunni disabili (10 mila) e consulenza della pedagogista (2.516).
    Per la scuola dell’infanzia sono stati messi a disposizione 25.282,93 Euro. Di essi 17 mila saranno dedicati all’assistenza agli alunni disabili,  1500 al contributo di attività integrative, 3952 al prescuola e 1984 alla consulenza pedagogica. Ammonta invece a 94.664,97 Euro l’importo a sostegno delle varie attività della primaria statale. Il grosso, ovvero circa 62 mila Euro, sarà a supporto delle situazioni di disabilità, mentre circa 10 mila sono stati attivati per servizi di pre e postscuola, 9700 per la fornitura di libri scolastici, 3656 per la consulenza pedagogica, 2000 per materiale vario di cancelleria, 4600 per attività didattiche integrative come i progetti “Musica in movimento”, “Laboratorio di alfabetizzazione motoria” e “Laboratorio di musica”.
    La secondaria statale di primo grado potrà contare su un sostegno di 32.469 Euro.
    Anche in questo caso la “magna pars” è costituita  dall’ausilio ai disabili, ovvero circa 21 mila Euro, e  tra le altre voci figura per 4900 il progetto robotica.  Diecimila sono gli Euro a beneficio delle scuole paritarie per l’assistenza agli studenti disabili, 900 quelli legati agli incentivi per l’iscrizione all’Università e 25.100, non da ultimi, quelli destinati alla refezione scolastica per le scuole di vario ordine e grado. Un documento corposo che si propone di venire incontro alle composite e in questo periodo particolarmente urgenti necessità della popolazione scolastica casorezzese.
    Cristiano Comelli
    Articolo precedenteComuni ricicloni: nella classifica nazionale il Consorzio dei Comuni dei Navigli occupa il 7° posto
    Articolo successivoCovid: Cia rilancia le consegne di cibo fresco e sano a domicilio