La Curva interista contro la deriva globalista della famiglia Zhang: “I dipendenti non si toccano”

238

Il cuore del tifo nerazzurro insorge: “L’Inter è un ideale. Siamo una famiglia fatta di persone, non di numeri”.

“La Curva Nord vuole esprimere la propria piena ed incondizionata solidarietà ai 3 magazzinieri dell’Inter vittime, temiamo, della mancanza trasparenza e progettualità da parte della famiglia Zhang.
In una situazione come quella attuale è un segnale molto preoccupante.
Perché quanto sta avvenendo è chiara espressione della spersonalizzazione della struttura Inter, sempre più votata ad una ottimizzazione dei costi che non lascia presagire nulla di buono.
Parliamo di lavoratori e di interisti.
Siamo certi che le cause di questo cortocircuito siano da ricercare nella scarsa presenza della proprietà nella gestione della quotidianità.
E da questo, essendo (come è normale e giusto che sia) l’Inter strutturata in maniera piramidale, nasce il pericolo di affidarsi a persone esterne che in determinati punti strategici rischiano di fare più danni che altro.
L’Inter non è questo. L’Inter è un’idea, un ideale.
Crediamo a parlare a nome di tutti gli interisti: l’Inter non vogliamo che diventi questo.
Essere interisti vuol dire essere una famiglia che abbraccia il mondo intero, ma ricordiamoci che siamo prima di tutto persone, non numeri”.
Articolo precedenteLavoro, Zhang non si ferma più e continua a tagliar teste: licenziati anche tre magazzinieri dell’Inter ultra 50 enni. La protesta della CGIL
Articolo successivoA proposito del DDL Zan affossato. Il volto, la faccia, un voto. Di Emanuele Torreggiani