Caso Giorgi/1: Abbiategrasso tra rettilinei e decadenza, che scivolone il ‘Corrierone’..

2149

 

ABBIATEGRASSO – Forse la cosa migliore, chiosando il pezzo uscito ieri sul più autorevole e prestigioso quotidiano italiano, tra le tante e giuste invettive l’ha scritta un giovane fieramente di destra come Alessio Benassi, militante abbiatense di Fdi. Leggiamone un estratto.

 

“Sì può considerare Abbiategrasso e la provincia, come meglio si crede. Un luogo umile, sonnecchiante e sì invero, anche noioso a volte. Però, la meraviglia di questa terra, la sua riservata poesia, si cela nelle piccole cose. Lo scrittore inglese J. R. R. Tolkien, autore de “Lo Hobbit” e della trilogia “Il Signore degli Anelli”, lo aveva ben compreso. Proprio nello Hobbit, al personaggio dello stregone Gandalf, fece dire queste parole: “Saruman ritiene che soltanto un grande potere riesca a tenere il male sotto scacco.
Ma non è ciò che ho scoperto io.
Ho scoperto che sono le piccole cose…
le azioni quotidiane della gente comune che tengono a bada l’oscurità.
Semplici atti di gentilezza e amore.
Perché Bilbo Baggins?
Forse perché io ho paura… e lui mi da coraggio”.
Non sappiamo se Andrea Galli, che ha firmato il pezzo balzato ieri agli onori della cronaca nazionale e rimbalzato su molte pagine social in quel di Bià (da Abbiaegrassonline al social leader Max Ilardi), abbia letto o meno il grande scrittore cui dobbiamo la saga del Signore degli Anelli, ma sappiamo che il pezzo apparso ieri- di cui pubbichiamo solo un estratto- stride da mille pori.
Stride perché se dalla casa dei Giorgi avesse fatto poche centinaia di metri, Galli avrebbe trovato il complesso quattrocentesco dell’Annunciata rimesso a nuovo con 12 milioni di euro di fondi pubblici, quasi 15 anni fa.
Se si fosse guardato attorno, Galli si sarebbe reso conto che ad Abbiategrasso il tessuto urbano costruito ed edificato rappresenta il 32% del territorio comunale, mentre a Sesto o Cinisello siamo al 99% (come le avrebbe descritte, di grazia?).
Galli deve aver dimenticato che Abbiategrasso è fulcro del primo parco regionale italiano, il più grande parco fluviale d’Europa. Dimentica l’asta del Naviglio, le ville di delizia.. Un sacco di cose. Stiamo parlando da mesi di ‘salvaguardia’ del Parco Agricolo Sud, che include Corsico, Trezzano e Cesano Boscone… Curioso, diciamo.
Il problema vero, forse, è che  nel  pezzo di Galli la cosa che più ci ha lasciati di stucco è una certa descrizione di Giorgi e delle sue attitudini caratteriali. Le confessioni degli amici. Di ben altro spessore un pezzo del Sole 24 Ore di cui parleremo in un altro servizio. Dietro una vicenda mediaticamente clamorosa e di cui parlano tutti i media (dove ci sono indagati e NON condannati) c’è una  famiglia che vive un dramma nel dramma, una famiglia rispettata ed anzi rispettabilissima, un padre preside e una storia di impegno.
Ridurla a noiosi rettilinei e cascine decadenti.. Beh, si commenta da sè. E allora, a beneficio di Galli, pubblichiamo qualche foto da cui desumerà facilmente che Abbiategrasso non è certo quella ‘artefatta’ e descritta dal pezzo dell’onusto quotidiano di via Solferino.
Fab. Pro.

 

Articolo precedenteNatale A TUTTA BIRRA: al 2punto0 di Magenta… tutte le bontà del beershop. E domenica 18 tempo di BRUNCH
Articolo successivoLega, domani LOMBARDIAMO con Salvini e Fontana. Cecchetti: fiumi di milioni per la Regione