NewsPolitica

Case delocalizzate: un milione di euro per rivitalizzare una zona spettrale attorno a Malpensa

MALPENSA – Una zona spettrale abitata da cani randagi e da barboni, zeppa di escrementi, con le tubazione dei servizi – di quelle che furono delle abitazioni – divelte: ecco lo stato del degrado delle zone interessate dalle abitazioni delocalizzate a corollario di quello che doveva essere un grande ‘hub’ a servizio del mondo. Le cose non sono andate come previsto nel grande progetto ‘Malpensa 2000’, comunque la Regione Lombardia ha messo a disposizione i fondi (milioni di euro) per la demolizione di una certo numero di abitazioni (villette, appartamenti) nei territori di Ferno, Somma Lombardo, Lonate Pozzolo, interessate dalla delocalizzazione. I lavori di demolizione di quelle che furono delle abitazioni inizieranno nelle prossime settimane, dopo quindici anni dall’inizio del processo (che ha interessato in totale circa cinquecento abitazioni) e una prima tranche sarà ‘abbattuta’ (previo recupero dell’eternit), dopodiché inizierà la successiva opera di bonifica del territorio. Successivamente la zona sarà messa a disposizione per insediamenti industriali (che possono sopportare i decibel in atterraggio degli aerei) o logistici a servizio dell’aeroporto.
(la foto di un’abitazione di Ferno è tratta da ‘La Provincia di Varese’)ferno-in-prima-linea-su-malpensa-case-delocalizzate-sacrificio-utile_32a4c41c-4662-11e4-ae17-5a18d4673915_cougar_image

Vedi Altro

Potrebbe Interessarti

WP2Social Auto Publish Powered By : XYZScripts.com
Close

Utilizzando il sito, accetti l'utilizzo dei cookie da parte nostra. maggiori informazioni

Questo sito utilizza i cookie per fonire la migliore esperienza di navigazione possibile. Continuando a utilizzare questo sito senza modificare le impostazioni dei cookie o clicchi su "Accetta" permetti al loro utilizzo.

Chiudi