Canegrate, Aemme Linea Ambiente e la migliore differenziazione dei rifiuti

    149

     

    CANEGRATE  Costruire una comunità di persone responsabili, attive, virtuose e solidali: è l’obiettivo del Progetto Valverde che, nato da una partnership tra Regione Lombardia, Aler, Comune di Canegrate e due cooperative sociali (Elaborando e La Cordata), è nato per aiutare il quartiere periferico Valverde con i suoi complessi abitativi di via Ancona, Terni e Bologna a superare il concetto di “periferia sociale”, per poter recuperare quella dignità che gli spetta.

    Migliorare la qualità di vita di chi vi risiede, lo stato di manutenzione delle parti comuni dei palazzi, delle zone verdi e degli orti urbani; prevenire situazioni di conflitto e di tensione, tramite l’aumento della socializzazione e della conoscenza reciproca; avviare forme di  mediazione comunitaria; contrastare e ridurre  le situazioni di morosità, il degrado, il senso di marginalità e di insicurezza; promuovere l’autogestione come strumento, anche culturale, di cura e rispetto del proprio ambiente e, non ultimo, averne rispetto cominciando dall’abc, ossia da una pratica corretta della differenziazione dei rifiuti. E’ proprio su questo aspetto che AEMME Linea Ambiente ha fatto la propria parte, attraverso tre occasioni nelle quali ha avuto modo di incontrare i residenti e chiarire i loro dubbi, in merito alla separazione dei vari materiali. Il problema dell’esposizioni di sacchi non conformi (ossia “inquinati” da materiali estranei) è piuttosto frequente nel quartiere Valverde, dove si concentrano 144 nuclei familiari (44 in via Ancona 5, 21 nel complesso di via Terni 10 e 79 nei condomini di via Bologna). A fronte di molte persone che conoscono le regole e le mettono correttamente in pratica, ce ne sono altre che, con i loro comportamenti, rischiano di vanificare anche i buoni risultati dei residenti virtuosi, considerando che poi, in ultima battuta, sacchi e bidoni vengono depositati nelle tre apposite piazzole comuni.

    Ai cittadini intervenuti ai tre incontri è stato spiegato che se si pratica una corretta differenziazione, il numero di rifiuti destinati al sacco grigio con il tag si riduce notevolmente: non a caso, a Canegrate, dopo l’introduzione della Tariffa Puntuale, la quantità di materiali da avviare al riciclo è nettamente aumentata, a discapito di quelli indifferenziati destinati all’inceneritore. E infatti la raccolta settimanale del sacco grigio è diventata, ormai, quindicinale, a fronte dell’intensificazione del passaggio per la raccolta della plastica, che avviene, appunto, settimanalmente.

    La diffusione delle buone pratiche in materia di differenziazione dei rifiuti è diventata, insomma, materia del progetto Valverde, nella consapevolezza che la dignità di un quartiere passa anche dall’impegno che i residenti profondono, ogni giorno, per mantenerne il decoro.

    Articolo precedenteIndustria, la rivoluzione corre con il 5G
    Articolo successivo‘++Moratti: in Lombardia somministrato il 97% delle dosi. Vaccini in vacanza? Sentiremo Figliuolo