+Campiello e Strega: entrambe le premiazioni sabato 15 a Vigevano

130

 Sullo stesso palco i due vincitori sabato 15 ottobre 

Vigevano  La Rassegna Letteraria della Città di Vigevano accoglierà per la prima volta nella storia degli eventi culturali i due premi letterari italiani per eccellenza: il Premio Campiello e il Premio Strega.

Sabato 15 ottobre, alle ore 17, nella sala della Cavallerizza del Castello Sforzesco di Vigevano, dialogheranno con il pubblico il vincitore del Premio Campiello, istituito nel 1962 per volontà degli Industriali del Veneto, e il vincitore del Premio Strega, istituito a Roma nel 1947 dalla scrittrice Maria Bellonci e da Guido Alberti, proprietario della casa produttrice del liquore Strega. Per il Premio Campiello ci sarà Bernardo Zannoni con “I miei stupidi intenti” (Sellerio) e per il Premio Strega Marco Desiati con “Spatriati” (Einaudi). L’incontro, moderato da Alessandra Tedesco, consulente editoriale della Rassegna, sarà introdotto da un breve saluto istituzionale da parte della Fondazione Il Campiello, con Enrico Carraro, presidente della Fondazione e di Confindustria Veneto, e Mariacristina Gribaudi, presidente del Comitato di Gestione del Premio, e da parte della Fondazione Maria e Goffredo Bellonci, che organizza il Premio Strega, con il presidente Giovanni Solimine e il direttore Stefano Petrocchi.

“Il Premio Campiello rappresenta da 60 anni un punto di incontro tra impresa e società; è stato fondato dagli imprenditori veneti per valorizzare l’importanza della cultura per l’imprenditorialità, con l’obiettivo di mettere in stretto rapporto gli autori con i lettori, dando al pubblico l’opportunità di conoscere gli scrittori da vicino, sviluppare nuove chiavi di lettura del mondo e della quotidianità che ci circonda – dichiara Enrico Carraro – È per questo che sono felice di portare il Campiello anche all’interno della prestigiosa rassegna letteraria di Vigevano insieme al Premio Strega, un altro fiore all’occhiello del nostro Paese. I premi letterari sono un traino per il mondo della cultura italiana e il fatto di far incontrare i vincitori a Vigevano rappresenta un grande esempio di sinergia e condivisione di valori”. “In un’epoca in cui i tradizionali canali di comunicazione sulle novità librarie fanno fatica ad arrivare al grande pubblico – afferma Giovanni Solimine – I premi letterari offrono un’occasione per discutere dei libri e dei loro autori, fornendo grande visibilità, anche per l’ampia partecipazione agli incontri che accompagnano queste manifestazioni. Abbiamo continui riscontri di quanto sia efficace la vetrina di cui godono per mesi non solo i vincitori, ma tutti i partecipanti al Premio Strega. In queste strategie assumono un ruolo molto significativo le tante iniziative nelle scuole, che cercano di avvicinare i più giovani alla lettura”.

L’evento è inserito nel programma di “Orizzonti. Per un nuovo umanesimo”, la ventunesima edizione della Rassegna Letteraria della Città di Vigevano diretta da Ermanno Paccagnini, che si terrà nella città ducale dal 12 al 16 ottobre.

 

Articolo precedenteAbbiategrasso/Annunciata: venerdì 7 ANIMA_L con Linda Messerklinger, Luca Vicini (Subsonica) e.. Maffeis Lab
Articolo successivoMagenta, Fdi primo partito cittadino con oltre il 27%: ‘Onore ed onere, elezione Maerna risultato storico’