‘+Cambia la sanità in Lombardia, ecco come la Moratti vuole fare il ticket alla legge Maroni

    55

     

    MILANO  “Se dovessi dire qual e’ lo spirito di questa di questa proposta di riforma, direi sicuramente il rafforzamento della sanita’ territoriale, in maniera molto concreta”. Lo dice la vicepresidente e assessore al Welfare della Regione Lombardia, Letizia Moratti, presentando oggi in commissione Sanita’ al Pirellone le linee guida della riforma socio-sanitaria approvate ieri dalla Giunta, replicando alle criticita’ sollevate dalle opposizioni. Contestando l’obiezione delle minoranze di non aver potenziato a sufficienza la medicina territoriale rispetto a un sistema che resterebbe, a loro avviso, ‘ospedalocentrico’, Moratti afferma: “nella riforma parliamo di case della comunita’, parliamo di distretti, parliamo di centrali operative territoriali, parliamo di ospedali della comunita’ e ci siamo dati anche dei tempi molto precisi”. Regione Lombardia ha l’obiettivo, aggiunge Moratti, “di individuare i siti fisici, nei quali costruiremo 216 case della comunita’, 101 centrali operative territoriali, 64 ospedali di comunita’”.

    Tornando poi sulla concretezza del cronoprogramma la vicepresidente precisa che la Giunta “individuera’ i siti entro settembre e gli indirizzi dove verranno realizzati fisicamente entro dicembre”. Quindi, insiste, “quando sento che non c’e’ una precisazione dell’ambito dei tempi nei quali realizzare la sanita’ territoriale, non capisco a che cosa ci si riferisca”.

    DIREZIONE GENERALE WELFARE – L’assessorato al Welfare sarà sempre più caratterizzato da un ruolo di governo anche attraverso l’irrobustimento della funzione d’indirizzo nei confronti delle Agenzie di tutela della salute (Ats) e degli erogatori pubblici e privati.

    RUOLO ATS – Alle Ats spetteranno la gestione sanitaria e flussi relativi; indirizzi in materia contabile alle Asst; autorizzazioni sanitarie e istruttoria accreditamento; negoziazione e acquisto delle prestazioni sanitarie e sociosanitarie; controlli sanitari ad enti pubblici e privati; programmazione attività di prevenzione; gestione delle politiche di investimento Hta e di edilizia sanitaria e ospedaliera e territoriale; coordinamento degli approvvigionamenti in raccordo con Aria; acquisizione del personale con procedure accentrate, ferma restando la possibilità di procedure singole per professionalità e aree più disagiate; gestione del rischio clinico, con supporto e coordinamento per le politiche assicurative delle aziende pubbliche;  formazione; sanità animale, igiene urbana veterinaria, igiene degli allevamenti e delle produzioni zootecniche, igiene degli alimenti di origine animale, impianti industriali e supporto dell’export, programmazione e coordinamento sanità pubblica veterinaria e sicurezza alimentare; farmaceutica convenzionata.

    COMPITO ASST – Le Asst si occuperanno delle sedi di Distretti e attività erogative; dipartimento Cure primarie; dipartimento Salute mentale; dipartimento funzionale di prevenzione; i poli Ospedaliero e Territoriale, articolato in Distretti, che coincidono con gli ambiti sociali.

    In coerenza con quanto prescritto dal Ministero della Salute e da Agenas, nell’ambito delle Aziende Socio Sanitarie Territoriali, troveranno collocazione i Distretti e tutte le attività erogative, portando a compimento definitivamente il disegno della legge regionale n. 23/2015.

    La proposta legge di riforma pone particolare attenzione alla medicina territoriale che rappresenterà sempre più l’interfaccia privilegiata tra cittadino e sistema socio sanitario, anche attraverso una sempre maggiore valorizzazione tra medici di medicina generale e pediatri di libera scelta e un’integrazione con gli specialisti ambulatoriali e ospedalieri.

    Articolo precedente‘++Speranza ci vuole al tavolo massimo in 4: ha rotti i cabbasisi
    Articolo successivoAbbiategrasso dice STOP ai bollettini quotidiani sulla situazione Covid