Cambia il clima: meno pomodori.. e meno salsa

141

 

La produzione mondiale di pomodori destinati alla trasformazione industriale potrebbe calare del 6% entro il 2050 per colpa dell’aumento delle temperature dovuto al cambiamento climatico: tra le aree piu’ colpite c’e’ anche l’Italia, che con oltre 6 milioni di tonnellate di prodotto trasformato all’anno e’ il secondo produttore al mondo dopo gli Stati Uniti e prima della Cina.

 

A lanciare l’allerta e’ uno studio condotto da un gruppo internazionale coordinato da Domenico Ronga dell’Universita’ di Salerno e guidato da Davide Cammarano della Aarhus University in Danimarca. I risultati sono pubblicati su Nature Food.
“Questo e’ il primo studio che valuta l’impatto del cambiamento climatico sul pomodoro da industria sui tre piu’ grandi produttori al mondo, ovvero Stati Uniti, Italia e Cina, che insieme rappresentano il 65% della produzione globale”, spiega Cammarano. I ricercatori hanno valutato l’andamento dei raccolti in caso di emissioni di gas serra contenute, alte o molto alte: per ciascuno scenario, hanno considerato cinque modelli climatici che prevedono diversa temperatura e piovosita’.

Dai risultati emerge che la California e l’Italia saranno le aree piu’ colpite. Nel nostro Paese, in particolare, per ogni grado di aumento della temperatura la produzione calera’ in media di 0,4 tonnellate per ettaro nel foggiano e di 0,3 tonnellate per ettaro in Emilia Romagna, con proiezioni ancora piu’ preoccupanti (e incerte) al 2100.

Articolo precedentell Sole 24 Ore: Milano, città (sempre più) per anziani
Articolo successivoAlla scoperta delle lucciole, tra Morimondo e la valle del Ticino: venerdì e sabato