Calcio, momento magico per Christian e Andrea Capone da Abbiategrasso

    80

     

     

    ABBIATEGRASSO – La Città di Abbiategrasso si coccola i suoi campioni calcistici.

    Poco tempo fa si è parlato del passaggio del giovane Andrea Repossi dal Varese alla Ternana, in serie B.

    Adesso sono altri due i campioni in erba, molto giovani entrambi, che stanno facendo parlare di sè: parliamo dei fratelli Capone, nati a Vigevano ma i cui genitori vivono da tempo in città.

    Il primo a vivere degli autentici momenti di gloria è Christian Capone, classe 1999, giocatore di proprietà dell’Atalanta ma attualmente in forza al Pescara.

    Christian sta facendo parlare molto di sè in maniera più che positiva. D’altronde sta crescendo sotto un grande maestro che valorizza i giovani: Zdenek Zeman, il grande tecnico boemo che è uno dei punti di riferimento di un calcio offensivo ispirato alla bellezza del gesto e molto innovativo sotto il profilo tecnico.

    Il giocatore, dalle spiccate doti offensive, è un fantasista che ama verticalizzare e che è in grado di servire la punta da qualsiasi posizione, ed è attualmente in forza alla Nazionale Italiana Under 19, oltre come detto a giocare nel Pescara.

     

     

     

     

     

     

     

     

     

    Ma nella famiglia Capone il talento calcistico pare essere di casa, tanto che si sta imponendo all’attenzione anche il giovanissimo Andrea, classe 2002, in forza al Milan,

    Andrea Capone gioca assieme a diversi altri giovani talenti del calcio italiano: Raoul Bellanova, terzino destro con fisico, corsa e resistenza, in Nazionale sotto età: piace tanto a tanti. Gabriele Bellodi, altro 2000, difensore centrale, deve crescere ma ha qualcosa. Emanuele Torrasi, centrocampista multiruolo del 1999, molto considerato in società. Andres Llamas e Mattia El Hilali, con passaporto italiano nonostante il cognome, due giocatori del ’98 chiamati al salto di qualità. Gabriele Capanni, ancora minorenne ma dotato di fantasia e uno contro uno, e Lorenzo Colombo.

     

     

     

     

     

     

     

     

    Abbiategrasso, insomma, si sta imponendo all’attenzione dello sport che la fa da padrone nelle discussioni (e non solo..). Tre talenti, tutti giovani o giovanissimi, che fanno davvero ben sperare.

    (si ringrazia Max Ilardi per la segnalazione)

    Articolo precedenteDaniele Del Ben nuovo consigliere ai Parchi di Città Metropolitana
    Articolo successivoMagenta, 50 anni dopo il 1968: incontro del centro Don Tragella