Calcio: il sognatore Matteo Bognetti lascia il Boffalora dopo cinque anni (a suo modo…) e dice GRAZIE

142

 

 

BOFFALORA – Dopo una lunga parentesi umana e sportiva, Matteo Bognetti lascia il Boffalora calcio dopo 5 anni da direttore sportivo.

L’ex calciatore di Mesero, notoriamente sanguigno e passionale, è arrivato ad un passo dall’ascesa in Promozione, risultato mai raggiunto dal sodalizio calcistico, e a Ticino Notizie racconta le intense sensazioni provate in questo lungo periodo di collaborazione col team.

‘Ho trascorso 5 anni a Boffalora, anni bellissimi, nei quali ho portato in squadra 45 giocatori cercando di mantenere l’ossatura pre esistente a quella del mio arrivo, compresi i tre ragazzi del vivaio, in special modo Andrea Magnotti, che mi è rimasto e rimarrà sempre nel cuore. Boffalora ha giocato 3 anni in Prima Categoria, cosa che non avveniva da 25 anni. Abbiamo fatto i play off per salire in Promozione, un grande risultato. Ho avuto due allenatori, anche loro importanti. Di quanto fatto non cambierei nulla, lascio col rammarico di non aver ottenuto il risultato storico del passaggio in Promozione. La mia parentesi da direttore sportivo finisce qui, mi fermo e non credo ci sarà un domani coi colori di una squadra diversa dal Boffalora: non riuscirei mai a giocare contro questi ragazzi. Lascio senza rimpianti e ringrazio tutti, con  la certezza che per me- come per molti altri sognatori come me- il calcio è molto più di uno sport. Il calcio è vita,  il calcio è un sogno”, conclude Matteo Bognetti.

Articolo precedenteVittuone, Cuggiono, Legnano, Corsico: al voto il 20 e 21 settembre?
Articolo successivoColdiretti: inaccettabile il taglio al prezzo del latte per la Lombardia