Calati: “Idee chiare, per rilanciare Magenta”

    112

    Questa sera il neo sindaco, con Luca Del Gobbo ha incontrato la stampa e dettato l’agenda della propria azione amministrativa. Fondamentale il rapporto con Regione Lombardia e l’asse con Abbiategrasso e Legnano

    MAGENTA – “Queste elezioni hanno detto che i cittadini sono ancora disposti ad accordare la propria fiducia al centrodestra. Un modello tipo quello di Regione Lombardia con il Presidente Roberto Maroni. Rinnovamento e rilancio. Per il centrosinistra invece c’è una bocciatura totale, oltre che a Magenta, anche Legnano e Abbiategrasso. Un centrodestra a trazione moderata che funziona. Siamo coesi e compatti. Lo si è visto ieri nel giorno della vittoria ma anche nella settimana difficile del ballottaggio.

    CENTRODESTRA PROMOSSO, CENTROSINISTRA BOCCIATO – E’ stato così anche al primo turno. Un esempio di centrodestra che è stato capace di trovare i motivi della propria coesione. In generale, sulla provincia di Milano questo fatto  è estremamente positivo. Centrodestra promosso, centrosinistra coi suoi sindaci bocciato sonoramente. A Magenta abbiamo vinto sia all’andata che al ritorno. Abbiamo vinto su tutti i 21 seggi. Abbiamo vinto 60 a 40″.

    Così Luca Del Gobbo ex sindaco di Magenta e oggi assessore regionale nel lanciare la palla a Chiara Calati nella sua prima conferenza stampa da primo cittadino:Grazie a tutti i Magentini, ai coordinatori dei partiti della nostra coalizione e ovviamente a Luca Del Gobbo che ha creduto fin dall’inizio in me”.

    “Questo risultato – ha detto Calati – è il risultato di un programma particolarmente inclusivo. Per noi stare vicini alle persone viene prima di tutto. Siamo vicini ai cittadini, con queste premesse vogliamo andare avanti”.

    LE MIE AZIONI DA SINDACO, PRIMA DI TUTTO CONOSCERE– “Come prima cosa voglio conoscere la macchina comunale e valorizzare il personale. Quindi, vogliamo far diventare Magenta centro di questo territorio. Voglio subito incontrare i colleghi sindaci di Legnano GB Fratus e Cesare Nai ad Abbiategrasso. Insieme possiamo rilanciare l’Ovest milanese.  Voglio, inoltre, capire qual è lo stato generale del bilancio comunale. Dopodichè sarà mia cura incontrare tutte le associazioni cittadine, insieme potremo fare molto”.

    ASSE CON LEGNANO ED ABBIATEGRASSO PER LO SVILUPPO DELL’OVEST MILANESE– “Successivamente – ha aggiunto Calati – vorrei incontrare gli assessori regionali Luca Del Gobbo e Massimo Garavaglia per capire quali risorse possono arrivare da Regione Lombardia per questo territorio. Da ultimo, un in bocca al lupo all’opposizione. Noi siamo per il dialogo, perciò la minoranza se costruttiva può essere sempre una risorsa e non una negatività”.

    MERCOLEDI’ L’INCONTRO CON IL DG LOMBARDO PER IL NOSTRO OSPEDALE – “La Sanità è un’altra priorità, il nostro ospedale  un patrimonio da valorizzare ancora di più. Mercoledì il direttore generale dell’Asst ovest Milano Massimo Lombardo sarà qui a Magenta già da mercoledì, lo incontrerò immediatamente perché il nostro nosocomio è una priorità per noi”. “La nostra sarà un’amministrazione molto in contatto con la città e i cittadini saranno sempre partecipi di ogni nostro operato”  ha poi garantito Calati.

    Sia lei che Luca Del Gobbo si sono detti inoltre concordi sull’opportunità di rilanciare il tavolo di lavoro per lo sviluppo dell’Ovest Milanese: “Può essere certamente uno strumento utile per costruire una piattaforma condivisa sui grandi temi dalla strada, alla sanità. La rete è essenziale”.

    SULLA GIUNTA CONCERTAZIONE MA ALLA FINE IL SINDACO SONO IO….- Da ultimo, il tema caldo della Giunta:Prima di tutto una grande volontà di concertazione, la mediazione  è una mia prerogativa – ha assicurato la neo eletta – Sono naturalmente portata al dialogo, ma poi il sindaco sono io e mi devo assumere le mie responsabilità fino in fondo“.

     

    Articolo precedente“Una Notte in Trincea 2” a Lonate Pozzolo.
    Articolo successivoElezioni: è cambiato il vento, un nuovo asse Magenta, Legnano e Bià