Magenta, la Calati torna a parlare e gonfia il petto: il mio lascito identitario su Via Garibaldi

257

 

MAGENTA Calati :”Soddisfatta di via Garibaldi, completata con lo stemma della Città di Magenta, da me fortemente voluto come elemento distintivo e identitario”

 

Da lunedì 4 luglio riaprirà alla circolazione via Garibaldi, che proprio in queste ore sta completando il processo di riqualificazione del lotto antistante al sagrato della chiesa di S.Rocco. “Fin da subito, pensando al rifacimento della via, l’ho immaginato all’interno di un progetto più ampio che prevedesse un elemento distintivo volto ad evidenziare l’identità e la peculiarità di Magenta nelle sue vie principali. Così ho subito chiesto che ci fosse lo stemma della Città all’ingresso di una delle vie più storiche, ricca di valore. L’idea di mantenere materiali più pregiati rispetto all’asfalto in questo tratto viene proprio dall’intenzione di rendere bello ed elegante l’accesso a una delle principali strade dello shopping, in un momento così difficile per il settore. Proprio questa accortezza ha fatto sì che questo intervento fosse oggetto di aggiudicazione del finanziamento del Bando Regionale del Distretto del Commercio, rivitalizzato dalla mia Amministrazione. Sono contenta anche del fatto che i lavori si siano chiusi in due mesi, compreso il tempo di posa per consentire l’assestamento definitivo. Tale tempistica si è rivelata più rapida del previsto ed è stata anch’essa da me fortemente sollecitata, per cercare di ridurre un impatto evidentemente molto significativo su negozi e viabilità. In questo modo il finanziamento del bando è garantito e la stagione dei saldi estivi si può aprire con la nuova vita di via Garibaldi.

C’è anche un rammarico, quello dei ritardi nella posa dello stemma dovuti a questioni burocratiche, paesaggistiche e di sovrintendenza inerenti ad alcune modifiche progettuali, che hanno purtroppo creato intoppi proprio sul finale. Ora mancano gli arredi, che personalmente avrei voluto potessero richiamare la Battaglia, non ancora progettati e la cui realizzazione necessita di ulteriori disponibilità a bilancio e stanziamento specifico.
Per quanto mi riguarda sono molto felice che la via Garibaldi, nella sua riqualificazione completa di manto stradale e marciapiedi, porti la firma Calati”, conclude l’ormai ex primo cittadino, che non ha smesso di inviare note alla stampa. Sempre assai autoreferenziali (davvero rilevante il grazie all’assessore competente Laura Cattaneo…).

Articolo precedenteRegione Lombardia. Autismo, prorogati termini per voucher sociosanitario
Articolo successivoNaviglio Grande: obbligo di cauta navigazione tra Gaggiano e Vermezzo sino alla fine della stagione irrigua