Busto Garolfo, venerdì 2 ottobre assemblea pubblica degli ‘anti discarica’

    50

     

     

    BUSTO GAROLFO –  La carne messa al fuoco sarà molta. Si va dalle perplessità sull’atteggiamento assunto da Città Metropolitana a quelle sulle operazioni di preparazione già avviate da chi intende realizzare l’intervento passando per la richiesta di un incontro al ministro dell’ambiente  Sergio Costa. Tutto riconducibile a un denominatore comune: l’opposizione di comuni di Busto Garolfo e Casorezzo, parco del Roccolo, Comitato antidiscarica, Legambiente e diversi cittadini al progetto di creazione di una discarica per lo smaltimento di rifiuti speciali proposto dalla società Solter.
    Una questione che, ancora una volta, le istituzioni della zona vogliono condividere con i cittadini invitandoli a un’assemblea in programma venerdì 2 ottobre alle 21 all’auditorium don Besana di Busto Garolfo. Gli ingressi, per l’emergenza Covid, saranno contingentati. Per questo è stata prevista anche la possibilità di seguire l’appuntamento anche sul profilo youtube del comune di Casorezzo.  Dopo l’assemblea pubblica organizzata sempre a Busto Garolfo una manciata di mesi fa nel periodo preCovid, i cittadini avranno quindi la possibilità di conoscere l’evoluzione della situazione. Susanna Biondi e Pierluca Oldani, rispettivamente primi cittadini di Busto Garolfo e Casorezzo, comuni su cui insiste la parte del Roccolo interessata dall’intervento, intonano un concetto chiaro: quella discarica sarebbe un colpo al cuore per l’ambiente del territorio e causerebbe scompensi irreversibili, quindi non s’ha da fare.
    Cristiano Comelli
    Articolo precedenteAbbiategrasso, 20mila euro per contrastare lo spaccio fuori dalle scuole
    Articolo successivoAmazon cresce ancora nel Milanese: dopo Buccinasco, Peschiera Borromeo. 100 assunzioni